Si gira a pancia sotto durante il sonno a tre mesi e mezzo


 

Buongiorno,

mia figlia ha tre mesi e mezzo e da dieci giorni ha iniziato a girarsi dalla parte destra per poi rimanere a pancia sotto con la testa alzata. Il problema è che anche di notte, spesso, quando dorme si gira da sola da supina va a pancia sotto.

Vado spessissimo a controllarla perché ho paura che soffochi e la giro, ma poi lei nuovamente si rimette prona. Come posso intervenire?

Ancora una domanda: perché quando la metto a letto la sera si addormenta pacificamente nel lettino mentre per i sonnellini diurni occorre cullarla molto (per dormire nemmeno un’ ora – fino ad ora la bimba tira dalle 22-22.30 alle 6-6.30)? Devo attuare un rituale anche per il giorno?

Grazie, Nicoltta

L’addormentamento diurno, a volte, è più difficile da ottenere perché non vi sono le condizioni ideali come buio, stanchezza accumulata, sazietà, silenzio e via discorrendo. Per di più, una bimba che comincia a vedere meglio di prima e a partecipare di più all’ambiente può avere difficoltà ad addormentarsi perché non vuole lasciare, anche soltanto momentaneamente, la realtà interessante con la quale stava interagendo. Infine, potrebbe semplicemente non avere sonno nel momento in cui tu decidi che deve dormire.

Per quanto riguarda la posizione durante il sonno notturno, benché sia ormai sbandierato ai quattro venti che i lattanti che non hanno ancora compiuto un anno di vita devono dormire supini, non è ragionevole tormentarsi, perdere il sonno e disturbare il bambino se mentre dorme tende a girarsi assumendo una posizione che, magari, gli è più congeniale.

La probabilità di soffocamento è assolutamente nulla e fuori discussione perché i lattanti hanno il riflesso di raddrizzamento del capo che fa loro sollevare la testa o comunque spostarla di lato quando il naso viene troppo schiacciato sul piano sul quale sono distesi.

L’idea, poi, che la posizione prona favorisca l’insorgere della morte in culla e che i lattanti non debbano mai dormire a pancia in sotto ha un suo razionale studiando le statistiche, ma questo serve soprattutto di monito per le mamme a non posizionare i loro bimbi subito dopo il pasto a pancia in sotto per evitare eventuali soffocamenti dovuti a rigurgiti: mi sembra poco ragionevole vegliare continuamente sulla posizione assunta dal proprio figlio durante il sonno notturno, specie quando è già in grado di cambiarla autonomamente.

Se fosse necessario e consigliato comportarsi così, circa il 100% delle mamme dovrebbe evitare di dormire per almeno 12 mesi dalla nascita del loro figlio, visto che dopo il terzo o quarto mese tutti i bambini si muovono nel sonno, indipendentemente dalla posizione assunta più o meno spontaneamente al momento di addormentarsi.

Quindi, mi sembra che i due problemi che ti poni non abbiano ragion d’essere.

Piuttosto, per una corretta igiene del sonno dei lattanti, è bene che il loro materasso non sia troppo morbido, che non abbiano cuscini sui quali sprofondare o che, al limite, non abbiano affatto il cuscino, che non vengano eccessivamente coperti e soprattutto che le loro copertine o lenzuolini non siano rincalzati sotto il materasso in modo che il lattante non possa spostarli o scostarli al momento di muoversi e soprattutto che non coprano nemmeno parzialmente il viso ma restino a livello delle spalle, che la temperatura ambientale sia attorno e non superiore ai 18-20 gradi, che l’aria sia ben ricambiata al momento di andare a dormire e che non vi siano persone che fumano nella stanza e nemmeno nelle vicinanze.

Inoltre, sarebbe bene che il bambino fosse messo a dormire circa un’oretta dopo la fine dell’ultimo pasto.

Per il resto, che si muovano pure liberamente come credono senza che questo debba costituire una ossessione per la mamma.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone