Si ammala di continuo da quando va alla materna


 

Buongiorno,

sono rumena e non so scrivere bene, ma spero che lei mi capisca.

Ho una bimba di quattro anni che da settembre ha iniziato la scuola materna. Si raffredda ogni due settimane e io non so cosa fare. La pediatra mi ha dato delle vitamine e Ismigen. Mi ha anche consigliato il vaccino antipneumococco perché la bimba non l’ha fatto.

La prego di aiutarmi, cosa posso fare? Prima di iniziare la scuola si raffreddava solo due o tre volte all’anno.

Grazie mille.

Purtroppo è destino comune di tutti i bambini al loro primo anno di scuola e di frequentazione di una comunità è di ammalarsi più spesso del solito e quello che la pediatra ti ha consigliato è esattamente tutto quello che puoi fare per farla stare un po’ meglio.

I bambini hanno sufficienti difese immunitarie anche senza essere stimolati dai vaccini, però queste difese devono imparare a riconoscere i vari virus e i vari batteri per poter essere talmente veloci ne”agire e talmente efficaci da impedire che la malattia si manifesti quando un virus o un batterio si impianta nell’organismo e vi si moltiplica. E l’unico modo per stimolare la formazione della memoria immunitaria è proprio quello di contrarre la malattia.

Per molte malattie, ormai, esistono efficaci vaccinazioni che si praticano di routine, ma questa diecina di vaccinazioni, poco più, poco meno, non è nulla rispetto alle migliaia e milioni di virus e batteri diversi con i quali i bambini possono venire a contatto.

Pertanto le vaccinazioni, si, sono utilissime, soprattutto perché immunizzano contro malattie che possono essere anche molto gravi, però non riusciranno mai ad impedire del tutto che i bambini si ammalino. Si tratta di avere pazienza per il primo anno di scuola e vedrai che il secondo andrà molto meglio e il terzo scorrerà liscio e sereno.

Dal sesto anno di vita in poi, vedrai che la tua bimba non si ammalerà più di due volte l’anno e forse anche meno.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone