Se la pappa non gli basta


 

Gentile dottoressa,

ho l’impressione che il mio bambino si dispiaccia quando termina la pappa e non capisco se è per gola o per fame effettiva.

La pappa è così composta: brodo vegetale 100 ml, 2 cucchiai di passato di verdure, semolino o altra farina 2 cucchiai, 1 cucchiaino di olio di oliva, 2 cucchiaini di parmigiano reggiano, mezzo vasetto di omogeneizzato di carne (per poi tra un mese e mezzo passare ad un vasetto intero e alla carne fresca cotta a vapore 40 grammi). Nel caso fosse fame potrei aumentare le dosi?

Quando posso inserire lo yogurt? Al mattino di solito non fa merenda perché fa colazione e poi la pappa e al pomeriggio gli do la frutta. Che tipo di yogurt gli posso dare?

Io allatto al seno il mio bambino, visto che presto dovrò andare al lavoro ho provato al mattino presto ad allattarlo al seno in dormiveglia. Beh, non ne vuole sapere… vuole continuare a dormire… come farò quando andrò al lavoro tenendo conto che con il tira latte non esce nulla?

Devo fargli dare il latte artificiale quando si sveglia? Ee poi quando rientro dal lavoro allattarlo? Rientrerei per le 14.30.

Un altro problema che devo risolvere prima di andare al lavoro è che dopo la pappa vuole il latte. Io non vorrei darglielo, ma se non glielo do, piange per più di un ora… per me è uno strazio. E il problema sarà ancor più grande per chi sarà al posto mio quando sarò al lavoro. Posso fargli dare qualcos’altro al posto del mio latte visto che io fisicamente non ci sarò?

L’ultimo quesito è questo: voglio provare a far addormentare il mio bambino da solo nel suo letto piano piano… il problema è che lui si addormenta durante la poppata della sera e quindi lo mettiamo a letto già addormentato. So che non va bene, ma cosa facciamo, lo svegliamo?

Non mi precisi l’età del tuo bimbo e io, purtroppo, via internet, anche quando non è la prima volta che una determinata mamma scrive, non riesco ad inquadrare e a ricordare i particolari di ogni bambino come farei se potessi conoscerli tutti di persona. Pertanto non posso risponderti con molta precisione.

Ti posso comunque dire che sin dalla prima volta, il brodo vegetale di solito si prepara con 150 ml di brodo vegetale, che possono diventare anche 180 dopo uno o due mesetti, due cucchiai da tavola di passato delle verdure, tre cucchiai di farine precotte oppure un cucchiaio e mezzo di semolino o pastina, ma non da subito, ovviamente, la pastina, 30 gr di carne fresca oppure 50 di omogeneizzato oppure 10 di liofilizzato un cucchiaino di olio e uno di parmigiano che possono diventare due dopo l’ottavo mese.

Queste quantità non variano molto dal sesto mese alla fine del primo anno se non forse la carne che diventerà poco meno di mezz’etto. Queste sono le dosi standard e credo che coincidano con quanto ti è stato già spiegato dal tuo pediatra.

Lo yogurt si introduce, in mancanza di latte materno, preferibilmente all’ottavo mese, ma si può anche anticipare un po’ se il bambino non gradisce il latte artificiale o la mamma non può allattare o il bimbo, comunque, non ama attaccarsi al biberon.

Esistono yogurt più indicati per i bambini perché meno acidi: Mio, Plasmon, Fattoria Scaldasole e altri marchi biologici potranno andare bene.

Il fatto che il bimbo voglia il latte dopo la pappa dipende dal fatto che è abituato al seno e che tu gli stai vicino. Non vedendoti penso che si sazierebbe della sola pappa, purché in giusta quantità.

Io direi di fare così: mattina, prova nuovamente ad attaccarlo al seno presto, altrimenti lo lascerai dormire e cercherai di spremerti il latte anche manualmente se il tiralatte non funziona allo scopo. Se non riuscirai nemmeno manualmente non ti resterà che dare latte artificiale al bimbo, ma sarebbe un peccato.

Verso le undici e mezzo potrebbe già mangiare la pappa e dal tuo ritorno in poi latte materno a volontà finché non arriverà il tempo della seconda pappa serale. Se il bimbo rifiutasse il biberon artificiale non resterebbe che tentare con una farina lattea dolce da dare con il cucchiaino al risveglio: in questo caso ne preparerai un po’ di meno di quanto scritto sulla confezione, cioè attorno ai 150 gr e i cereali nella pappa di mezzogiorno saranno, volendo, un po’ ridotti (sempre che il bimbo abbia attorno ai sei mesi, altrimenti se ha più di sette mesi, la pappa lattea potrebbe essere data in porzione completa oppure sostituita con uno yogurt).

Finché il bimbo si attacca al seno è naturale che si addormenti al seno e non nel lettino, quindi aspetta ancora un po’ prima di abituarlo ad addormentarsi nel suo lettino oppure mettilo nel lettino quando è ancora in dormiveglia appena finita la poppata.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento