Schema pappa e poppate a sei mesi e mezzo


 

Salve dottoressa,

sono la mamma di Valentina sei mesi e mezzo.

Il mio latte è quasi al capolinea e volevo chiederle un consiglio sugli orari che sto seguendo e sulle quantità. Lei da qualche giorno mangia cosi: ore 10.00 seno 120-140 gr, ore 12.30 pappa, ore 17.00 frutta, ore 19.30 seno (quel poco che c è)100-120 gr, ore 22.30 biberon LA 150gr, ore 3.30 LA 130-140 gr.

Prima la attaccavo un po’ anche alle 17.00, ma il mio seno oramai è sempre floscio e semi vuoto, così pensavo che attaccandola alle 19 avrei avuto più tempo per farlo riempire e anche perché lei il pomeriggio non è che gradisca molto (con me non vale il principio più si attacca più produci).

Questi orari non mi fanno mai capire quando ha veramente fame tranne le ultime due poppate di cui non riesce a fare a meno. Secondo lei prende poco latte? Sto sbagliando?

Se la bimba prende già la prima pappa da almeno tre settimane, un mesetto, puoi introdurre la seconda pappa serale, simile a quella di mezzogiorno. Tra la prima e la seconda pappa, se il latte tuo non ci sarà, potrai dare un biberon di latte artificiale: puoi prepararne 150- 160 gr, a meno che tu non sappia già quanto, di solito, ne prende e nel biberon puoi aggiungere un cucchiaino di crema di riso o mais o tapioca oppure, volendo, un cucchiaino di biscotto granulato (facoltativi).

Mattina, metà mattina, dopo cena e, magari, a metà notte, se desideri continuare ad allattare, potrai continuare ad attaccarla al seno, ma visto che il latte non tende ad aumentare aumentando il numero delle poppate, non serve attaccarla al seno, di notte, più spesso di una volta, diciamo verso le tre di notte.

Allungando l’intervallo notturno, il latte della mattina potrebbe essere più abbondante, ma è la prima poppata che dovrebbe essere fatta prima delle 10 di mattina. Capisco che notti agitate ti facciano desiderare di recuperare di mattina, ma sarebbe meglio che la bimba si abituasse a notti con meno latte se non senza latte del tutto e mattinate più lunghe dove dopo la poppata della colazione possa trovare posto anche un po’ di frutta a metà mattina se non addirittura una seconda poppata di latte materno.

Quindi, prima poppata non oltre le nove, massimo nove e mezzo, frutta a metà mattina (facoltativa), pappa a mezzogiorno, merenda verso le tre e mezzo, massimo quattro con latte artificiale o materno, cena alle 19, massimo 19.30 con la pappa e da dopo cena in poi solo latte materno per due volte ogni tre ore, cioè più o meno 22.30-23 e tre del mattino o giù di lì, ma nient’altro, altrimenti non avrai abbastanza latte la mattina al risveglio.

Tantomeno dovresti dare il biberon di latte artificiale di notte, dal momento che lo introdurrai di pomeriggio e la sera le darai la seconda pappa.

Se questo schema non fosse fattibile, ricorda che le poppate di latte si dovrebbero susseguire ogni tre ore e mezzo più o meno e anche di pomeriggio, prima della frutta, la bimba dovrebbe fare merenda con latte, artificiale o materno che sia, così, dopo la cena, sarà definitivamente più sazia e non avrà, si spera, bisogno di svegliarsi troppo spesso per integrare la quantità di latte che di giorno non assume.

Prima poppata più precoce e merenda a base di latte e non solo di frutta, quindi, potrebbero essere la soluzione per ridurre, se non abolire, i risvegli notturni.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone