Scarso accrescimento


 

Gentile dottoressa,

le scrivo per la mia bimba Marta, che sta per compiere sei mesi.

Premetto che si tratta della mia quarta figlia, e che ho allattato gli altri tre con "successo" e serenità fino all’8-10-12 mese e non ho mai avuto problemi particolari; non credo quindi di essere una mamma eccessivamente stressata per l’allattamento o troppo alle prime armi.

Marta è nata il 26.5.09 di 3,150 kg, lunghezza 49 c m. Il primo mese è andato bene, tanto da arrivare al 23.6.09 a 4 kg e 51 cm di lunghezza. Da quel momento c’è stata una flessione nel ritmo di crescita: il 21.7.09 (quasi due mesi) Marta pesava solo 4 kg e mezzo per 54 cm.

Al 19.8.09, rientro dalle ferie, la doccia fredda: in quattro settimane era arrivata a 4,850 kg.

Da quel momento ho proceduto con il peso settimanale, d’accordo con la pediatra. Mi è stato prescritto il latte artificiale che la bimba ha strenuamente rifiutato. Ho cercato di allattarla allora al seno anche precedendo la sua richiesta (aveva imparato a ciucciare il dito e piangeva molto meno) ottenendo un successo di breve durata.

Di fatto dopo altre 4 settimane, il 17.9.09, Marta pesava solamente 5,330 kg. Lievemente meglio il mese di settembre (dai 5,040 del 2.9.09 ai 5,580 del 1.10.09) ma poi a ottobre la crescita si è fermata quasi del tutto, con incrementi di 30-40 grammi a settimana al massimo (il 1.10.09 5,580 kg per 59,5 cm – il 29.9.09 5,650 kg).

Più recentemente, una volta compiuti i cinque mesi, la dottoressa mi ha chiesto di introdurre la pappa a pranzo (ma questo cambiamento non ha dato particolari risultati) e quindi di sostituire i pasti lattei della giornata con pappa lattea da somministrare con il cucchiaino: primo responso + 100 grammi in 5 giorni, performance per lei eccezionale, secondo responso incremento pari a zero nella settimana successiva (nella quale però era stata male).

Chiedo perdono per la sequenza di dati che spero utili. Io cerco di aspettare un assestamento nello svezzamento per capire se riusciamo a vedere in Marta un livello di crescita accettabile. È  chiaro che essendo più grande il ritmo di crescita è comunque fisiologicamente più lento, è chiaro pure che Marta non sarà mai una gran mangiona, né una bimba particolarmente cicciotta, però con mio marito ci chiediamo se non sia il caso di portarla da qualche specialista per capire se si possa fare qualcosa in più o di diverso.

Ad ogni controllo del peso è stato controllato il suo livello di idratazione (che è sempre stato buono) e la sua vitalità (la bimba è molto vivace e adesso ride e sorride e "canta" che è una bellezza).

La ringrazio per l’attenzione, Valentina

In sintesi, il 29 settembre, cioè a 4 mesi di vita, giorno più, giorno meno, la bimba pesava 5, 650 kg: un peso non brillantissimo ma pur sempre perfettamente normale non solo per l’età, ma anche in considerazione del suo peso nascita. Il peso della nascita, infatti, si trova sullo stesso percentile del peso della bimba alla fine di settembre, cioè a 4 mesi di vita.

Non vedo, quindi, assolutamente nulla di strano o anomalo in tutto ciò se non, forse, la tua ansia esagerata di mettere continuamente la bimba sulla bilancia, grave errore, a mio parere, dal terzo mese di vita in poi.

Svezza pure la bimba con una prima minestrina a mezzogiorno più frutta a metà mattina e, se vuoi, con una farina lattea la sera se il tuo latte fosse veramente scarso e la piccola rifiutasse il biberon (ma quando un bambino rifiuta il biberon, di solito, vuol dire che è sazio di latte materno, nonostante la bilancia e le ansie della mamma) e butta la bilancia inutile e ansiogena.

Continua ad allattarla ancora, se te la senti, tre o quattro volte al giorno e per quanto riguarda peso e tutto il resto, rimanda al mese prossimo senza porti inutili problemi.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento