Sangue vivo nelle feci a 17 settimane


Gentile dottoressa

oggi per la seconda volta nel giro di due settimane ho notato delle piccolissime striature rosse (lunghe circa 5 mm) nella cacca di mia figlia che ha 17 settimane; impossibile non notarle, anche se sono poche, perché il colore è rosso vivo.

La sua dieta è allattamento integrale; sto prendendo una pillola a base di progesterone, che mi ha causato spotting all’inizio, adesso è passato da 5 giorni, possibile che abbia provocato questo nella bambina? Ho provato controllare in vagina e anche nell’ano inserendo delicatamente del cotone, ma niente… Cosa può essere?

Grazie fin d’ora

Chiara

 


Di solito il sangue rosso vivo, ben distinguibile dal resto della massa fecale, dipende dal sanguinamento di qualche ragade anale della bimba, ma a volte anche un capezzolo sanguinante fa ingerire sangue al bimbo che succhia al seno e se questo sangue si mischia con un po di muco che può trovarsi in bocca o in faringe, potrebbe non venire aggredito dai succhi gastrici del bimbo e arrivare indigerito fino al retto.

Altre patologie che provocano sanguinamento della mucosa gastrointestinale danno luogo alla emissione di feci miste a sangue digerito di colore molto scuro e poco distinguibile dal resto della massa fecale salvo polipi o altre escrescenze mucosali che possono trovarsi nell’ultimissimo tratto dell’intestino e, in ultima analisi, il sangue vivo potrebbe formarsi nella faringe qualora la bimba avesse una faringite virale con gola molto arrossata, capillari dilatati e tendenza di questi ultimi a rompersi per fragilità della parete vasale, indotta, spesso, dai virus stessi.

In questo caso, il sangue proveniente dalla gola potrebbe essere anch’esso misto a muco o catarro formatosi nella stessa sede e questo impedirebbe la sua digestione a livello gastrico. Allora ti consiglio di fare controllare la bimba per quanto riguarda una eventuale ragade anale e una faringite e in quella occasione ti farai controllare anche i capezzoli.

Le altre possibili cause di sanguinamento rettale richiedono indagini più approfondite e vanno prese in considerazione solo dopo avere escluso le più banali e facilmente riscontrabili.

Il progesterone può preparare la mucosa vaginale al sanguinamento ma nulla ha a che vedere con il sanguinamento rettale. Se, però, il sangue è sicuramente di provenienza vaginale e la vagina presenta in contemporanea anche una secrezione mucosa biancastra piuttosto accentuata, si potrebbe pensare ad una qualche influenza ormonale, ma solitamente il sanguinamento si manifesta dopo la sospensione della terapia ormonale, proprio come il meccanismo che genera la mestruazione. Anche in questo caso, solo visitando bene la bimba si potranno avere le idee più chiare.

Un caro saluto,

Daniela

 

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone