Risvegli notturni e latte che diminuisce a otto mesi

 

Gentile Dottoressa,

le scrivo perché mio figlio di 8 mesi e mezzo, la notte ha iniziato a svegliarsi continuamente, anche ogni 30-40 minuti.

Il giorno fa due poppate (mattina e pomeriggio ) al seno e due pappe complete, non prende il ciuccio, quindi lo attacco molto spesso, anche solo per farlo addormentare e cresce normalmente.

Sta mettendo i dentini, ma mentre i primi due non gli hanno dato molti fastidi, ora la notte si sveglia continuamente per ciucciare anche solo un minuto: sto finendo il latte? Ho avuto il capoparto pochi giorni fa, ma la situazione non migliora. Come posso fare?

Può darsi che il latte stia diminuendo però, come responsabili dei risvegli notturni possono essere i denti o anche una certa agitazione del bimbo indotta da alcuni ormoni e sostanze contenute nel latte durante la ripresa delle mestruazioni.

Prova a dare uno yogurt per merenda al bimbo, se non si suppongono allergie alimentari o non vi è in famiglia una storia di allergia, mantenendo sempre lo stesso numero di poppate complessive al seno ma raggruppandole, oltre che la mattina, anche dopo cena e a metà notte. Le altre volte cerca di riaddormentare il bimbo con altri sistemi oltre al seno.

Dopo alcuni giorni, se il latte tuo continuasse a non soddisfare più il bimbo, dovresti pensare ad una poppata artificiale oppure ad aumentare un po’ le due pappe per compensare la carenza relativa di latte materno.

Se il bimbo continua a crescere regolarmente, però, non pensare subito all’ipotesi di avere definitivamente troppo poco latte per lui: aspetta alcuni giorni prima di trarre questa conclusione. Nel frattempo bevi molto, mangia bene, specie cereali e continua, come ho detto, ad attaccare il bimbo al seno piuttosto frequentemente, ma comunque con almeno due ore e mezzo, tre di intervallo.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone