Rientro al lavoro e allattamento


Salve,

approfitto della sua cordialità e bravura per una domanda. A breve rientrerò al lavoro e mio figlio di 6 mesi, non prende il biberon. Abbiamo appena iniziato con la pappa all’ora di pranzo, per ora ha preso solo il mio seno. Mi chiedevo se secondo lei ha senso tirarmi il latte e poi addensarlo con qualche farina (se si quale?) in modo che non vada perso e che lui possa mangiarlo?

Purtroppo io sarò lontano da casa almeno 8 ore (il tragitto per il lavoro è lungo) e quindi una merenda di frutta e la pappa (che ancora non mangia in dosi adeguate) non lo sazierebbero, non so come fare.

Inoltre le chiedo come fare per questo problemino: va a letto verso le 21 dopo l’ultima poppata, si sveglia 2/3 volte e con il ciuccio riprende sonno, ma dalle 4.30 del mattino ha un sonno leggero, a volte si mette a "parlare" da solo e poi si riaddormenta, io a volte gli offro il seno e si riaddormenta un’oretta, ma non so se abbia veramente fame; ma pur di dormire lo faccio. Secondo lei dovrei aspettare a dargli il seno fino a quando non lo richiede e lasciare che stia sveglio? Dorme veramente poco, di giorno fa pisolini per un totale di 2 ore… potrebbe avere problemi di sonno o è normale?

La ringrazio moltissimo

Per quanto riguarda l’organizzazione delle poppate quando tornerai al lavoro io ti consiglierei di dare la prima poppata normalmente prima di uscire, di abituare il bimbo ad un po’ di frutta a metà mattina, di dare la pappa tra le undici e mezzo e mezzogiorno, magari addensandola un po’ se tende a non finirla tutta riducendo il brodo vegetale e mantenendo le quantità di cereali e di carne. Di pomeriggio a merenda potresti provare a lasciare del tuo latte che ti tirerai a più riprese quando tornerai a casa fino al momento di andare a letto – se ci riesci – e questo latte conservato in frigo e riscaldato poi a bagno maria può essere dato con il bicchiere a beccuccio o con il cucchiaio addensato, magari, con farina di cereali, diciamo due cucchiaini in 100 gr oppure con un cucchiaino di cereali, mais o tapioca e un cucchiaino di biscotto primi mesi. Ma, anche se fattiibile, mi sembra un po’ farraginoso.

Quindi penso che, al limite, si possa evitare la frutta in tarda matinata sostituendola, magari, con del tuo latte tirato il giorno prima o la mattina prima di uscire dopo la poppata al seno e riservare la frutta per una prima merenda verso le 15. Poi, quando tornerai a casa, lo attaccherai al seno per completare la merenda. Prova a non offrirgli il seno alle 4 di mattina in modo, sia da non abituarlo, sia da avere più latte al momento della colazione in modo che il bimbo si sazi di più e arrivi più facilmente alle 11,30 senza bisogno di altro cibo. Questo orientativamente.

Giorno per giorno sarà poi la tua esperienza a suggerirti la soluzione migliore. Se il bimbo continuerà a non finire la sua pappa di mezzogiorno e tu avrai difficoltà a tirarti il latte o a farlo bere al piccolo, potresti optare per una farina lattea a merenda data ovviamente con il cucchiaino e in quantità inferiore rispetto ad un pasto completo.

La soluzione, comunque, verrà da sola col tempo perché il bambino si abituerà alla pappa che sarà via via più sostanziosa e non avrà tanta fame fino al tuo ritorno pomeridiano.

Un caro saluto, Daniela

 

 

 

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone