RGE che sia acutizza e poi migliora e svezzamento


 

Gentile dottoressa,

il mio piccolo che ora ha 5 mesi e pesa 7,2 Kg per 68 cm soffre, dall’età di un mese, di RGE che attualmente si è notevolmente ridotto rispetto agli inizi.

È stato curato per 2 mesi con Zantac e attualmente ancora con Riopan Gel. Rimangono pero giorni in cui il piccolo rigurgita più del solito, anche un’ora e trenta dopo il pasto; altri giorni, invece, il problema sembra del tutto scomparso.

Ho provato a chiedermi quali possano essere le cause (latte troppo caldo, troppo freddo, pasto troppo veloce biberon conservato in frigo e riscaldato successivamente), ma la cosa avviene comunque anche senza cambiamenti o cause apparenti.

Quindi mi chiedo: è possibile che un bimbo migliori (cioè sembri quasi guarito anche per periodi di 10-15 giorni) e poi abbia di nuovo periodi "peggiori"?

Il nostro pediatra ritiene sia inoltre il caso di svezzarlo anche prima del 6° mese compiuto dal momento che beve da sempre LA. Ci ha anche consigliato di passare al latte di proseguimento (n°2) gradualmente, ma dal momento che ora sembra digerire meglio degli inizi io ho paura di "rompere" degli equilibri più o meno assestati; il bimbo ha sempre defecato con feci abbastanza liquide (un po’ meno ora che aggiungo un po’ di crema di riso) e verdine (solo qualche volta sono invece giallastre); ha avuto e a volte ha ancora qualche episodio di coliche e areofagia e io ho sempre avuto la sensazione che, in fondo, avesse (e abbia) un po’ di intolleranza al latte. Lei cosa ne pensa? Può questo indizio essere segno di intolleranza?

Le ricordo che sta assumendo Coligermina e Reuterin che non mi sento ancora di sospendere. Ora il piccolo mangia 4 volte al giorno 210 ml di latte con 2 cucchiaini di crema di riso (più uno di biscottino granulare solo nel biberon della sera);

La ringrazio molto per la sua consueta disponibilità e professionalità.

Cordialmente, Sara

Concordo con il tuo pediatra nell’anticipare un po’ lo svezzamento, ma iniziandolo con calma e con molta gradualità.

Concordo con te sul sospetto di intolleranza al latte, anche se con sintomi non eclatanti e per questo motivo lo svezzamento con introduzione di minestrine non a base di latte gioverà al bimbo.

Il latte numero due, attualmente, si tende ad introdurlo al sesto mese e non prima nonostante quanto scritto e consigliato sulla scatola (cioè quarto mese compiuto) e questo per uniformarsi alle direttive europee.

Il reflusso può avere dei periodi di attenuazione e riacutizzazione perché tende a scomparire definitivamente soltanto dopo il primo anno di vita se non dopo i 18 mesi. Le riacutizzazioni possono avvenire, per esempio, in occasione di una infezione alle prime vie respiratorie o in occasione dell’eruzione dei primi dentini e così via.

Quindi, a mio parere, svezzamento da subito, ma graduale, cambio del latte al sesto mese e per ora solo eliminazione prima di una poi di due poppate sostituite da minestrina, se anche solo due poppate di latte artificiale creano problemi, sostituzione del latte artificiale di proseguimento con un latte senza proteine vaccine oppure con un latte ipoallergenico e proseguimento della terapia antireflusso fino a nuovo ordine, cioè provando a sospendere ogni tre, sei settimane di somministrazione continuativa salvo a riprendere in caso di necessità.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone