Respira male e russa la notte 2


 

Gentile dottoressa,

sono molto in ansia per mia figlia Lavinia, di tre anni e 3 mesi. Da qualche giorno ha il naso chiuso, senza secrezioni che fuoriescano dal nasino. Ho iniziato l’aerosol con clenil e broncovaleas, perché mi sembrava di sentire un po’ di catarro, ma non mi sembra stia facendo effetto.

La notte russa rumorosamente e respira a bocca aperta. Non vorrei portarla dalla pediatra, in questi giorni di influenza A, lei dice che è il caso di andare da un otorino? Cosa posso fare per farla respirare meglio la notte? È il caso di iniziare l’antibiotico o il bentelan, anche se non ha febbre?

Grazie di cuore

Pina

Terapie via internet, senza visitare il bambino, non si dovrebbero proprio dare, però, se proprio la piccola respira molto male, almeno nella fase acuta, potresti continuare il solo clenil con fisiologica per aerosol ( se i bronchi sono liberi e non vi è broncospasmo non serve il broncodilatatore broncovaleas) e somministrare nel naso una o massimo due gocce di argotone una o due volte al giorno.

Questo farmaco contiene un vasocostrittore quindi non bisogna abusarne sia in quantità che in durata della terapia, ma dopo i tre anni si può prescrivere e, anzi, si potrebbe anche introdurre nell’apparecchio di aerosol, ma è più efficace localmente. Per correttezza, comunque, chiedi consiglio anche alla tua pediatra perché io non conosco la bimba e non so se vi sono dei motivi che controindichino questo farmaco per la piccola.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento

2 commenti su “Respira male e russa la notte

  • Jessenia

    😐 Buongiorno a tutti, sono molto preoccupata per mia figlia di 17 anni .. La notte russa e respira molto male come se si stesse soffocando .
    C’è da dire che lei é la particolare ragazza che sin da piccola a sofferto di tonsille, mai tolte peró
    Cosa mi consigliate ?

  • D.ssa Sannicandro

    E’ consigliabile una visita otorinolaringoiatrica. Il russamento e le difficoltà respiratorie notturne dipendono principalmente da una ipertrofia adenoidea più che tonsillare ma è necessario capire meglio se vi è una infezione intercorrente, una sinusite o quant’altro da curare in modo appropriato oppure se il russamento dipende da altra causa. Non si può consigliare nulla senza una visita specialistica.