Problemi in seguito a viaggi aerei


Urgente. Mia figlia, di 19 mesi, ha fatto in successione 2 ore di volo (dall’Italia alla svizzera) + 9 ore di volo (dalla svizzera alla Cina) + 3 ore di volo (dentro la cina). Abbiamo pulito il naso subito atterrati a Pechino con piccola traccia di sangue nel muco. Durante i voli ha dormito e la abbiamo svegliata in occasione dei decolli e degli atterraggi per farla bere. Alla fine dei tre voli era come iperattiva, ha visto altri bambini e voleva camminare e correre ma non voleva essere presa in braccio. Arrivata a casa, dopo un’altra ora di viaggio treno (totale viaggio 2+9+3+1 + 6 ore di attesa = 21 ore di cui 12 di dormire), la bambina dorme poco e piange. Si sveglia beve latte e piange. Non capiamo cosa sia. Aiuto che fare ?



Un viaggio così lungo non può che essere stressante, senza contare l’inevitabile problema del fuso orario. Il sangue dal naso dipende sicuramente dall’eccessiva secchezza dell’aria pressurizzata dell’aereo che irrita enormemente le vie respiratorie. Per ora devi avere pazienza, lasciare che la bimba recuperi orari e abitudini. Se possibile falla stare a lungo all’aria aperta, alla luce del sole, lasciando che si muova liberamente, che sgambetti e che sfoghi le sue energie nel movimento. Nello stesso tempo, fai in modo che riprenda orari regolari nei pasti, nel bagnetto, nel sonno, ecc. Di solito servono alcuni giorni per adattarsi ad un nuovo fuso orario, eventualmente ad un nuovo clima, magari anche nuova alimentazione ecc. L’importante è non tornare troppo presto in Italia sottoponendo così la piccola ad un nuovo identico stress.

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone