Problemi con aerosol


Gentilissima dottoressa,


oggi ho portato Tommaso dal pediatra per una tosse e catarro persistente e, oltre all’antibiotico, deve fare 3 aerosol al giorno.
Ho provato a dire al dottore che è IMPOSSIBILE farglieli e sono passata per quella che sottostà ai capricci di un quasi treenne.
Ma veramente avrei voluto riprendere con le telecamera quello che è successo in casa nostra dalle 17.30 in poi….

Ho cominciato stamane a dirgli che doveva farlo, che se lo faceva gli compravo il Sapientino e sembrava lo avessi convinto.

Oggi corro a prendere il Sapientino, a casa ci sono la nonna ed anche la bis nonna. Gli faccio vedere la mascherina e stranamente non comincia ad urlare, lui gioca con il Sapientino. Inizio… tempo mezzo minuto e comincia a respingere l’apparecchio.
Gli ricordo che ha promesso.
Provo con le buone.
Vuole andare in braccio alla nonna (ma è solo un tentativo di fuga).
 
In ordine l’ho privato:
del Sapientino
di tutte le macchinine
di Tippy (il suo coniglietto preferito)
del ciuccio
l’ho chiuso in camera sua
si è preso uno sculaccione

La scena era di un isterico… cioè manco mia mamma l’ha mai visto così e si è preoccupata.

Poi è arrivato suo padre.
Abbiamo riprovato con le buone (era un’ora che urlava ininterrottamente).
Poi l’abbiamo preso di forza, ma nemmeno in due riuscivamo a tenerlo.
Una volta suo padre è sbottato e l’ha cacciato a letto.
Poi l’abbiamo ripreso con la forza.
Gli ho tenuto la testa ferma e gli ho cacciato la mascherina in faccia ma erano urla disumane, sembrava un indemoniato che ha visto un prete.

Le chiedo quanto è giusto insistere e quanto beneficio può trarre da questa cura (fatta in questo modo oltretutto).
Grazie.
Federica


Cara Federica,

se con l’aereosol devi somministrare soltanto mucolitici lascia pur perdere quel marchingegno infernale e dalli al bimbo per bocca (bustine o sciroppo che siano). L’effetto sarà praticamente sovrapponibile e la quiete famigliare salvaguardata. Anche se dovessi somministrare cortisonici: per un breve periodo non danno grossi effetti collaterali quando somministrati per bocca. Se ci fosse invece bisogno di un broncodilatatore, allora l’aereosol è la via migliore.
Aspetta che Tommaso si sia addormentato, procurati un aereosol ad ultrasuoni che fa meno rumore di quello tradizionale, prepara prima la miscela di farmaci nell’erogatore, collega l’apparecchio ad una spina nei pressi del lettino del bimbo, copri il corpo dell’apparecchio – quello che fa rumore – con uno o due cuscini e magari avvolgi il tutto con una copertina; quando Tommaso si è addormentato accendi l’apparecchio e tieni la mascherina a pochi centimetri dal viso. Per ovviare all’inevitabile spreco di farmaco puoi raddoppiare la dose nel contenitore (o quasi). Se Tommaso ha il sonno leggero e anche questo metodo non funziona, lascia perdere tutto e sostituisci i farmaci con equivalenti per bocca: vedrai che guarirà lo stesso e perfettamente.
Un caro saluto, Daniela

 

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone