Prime infezioni virali


 

Buongiorno Dott.ssa,

Le chiedo una informazione.

Mio figlio 3 anni e mezzo, oggi quarto giorno di asilo, da ieri sera è un po’ raffreddato (naso chiuso, stanotte si è svegliato spesso, ma non fuoriesce muco verdastro solamente acquolina trasparente).

Stiamo usando il Nureflex 5,5 ml ogni 6 ore (pesa Kg. 17,5 circa). Le dico che i suoi compagni sono anche loro ammalaticci e che qui da noi il tempo è cambiato bruscamente, dal caldo torrido al freschetto, difatti al mattino non so mai come vestirlo perché poi a scuola i bambini, per questo mese, restano tutti in palestra dove possono giocare, poi per la merenda escono fuori in giardino, passando quindi dal caldo al fresco…

Comunque, Le chiedo se il Nureflex è sufficiente oppure dovrei usare anche qualche altra cosa. Avevo pensato allo Zirtec pensando a una possible rinite allergica (infatti stanotte mi ha detto che aveva prurito al palato) anche se dai prick-test mio figlio non è risultato allergico (lievemente alla polvere). Oppure al Rinoclenil spray nasale. Lei cosa ne pensa?

Cerco di tenergli il nasino pulito, sia facendoglielo soffiare spesso, sia usando il Tonimer spray. Spero di essere stata sufficientemente chiara e di ricevere quanto prima un Suo chiarimento/suggerimento.

La ringrazio anticipatamente e Le auguro una buona giornata.

Angela


 

Cara Angela,

l’inizio della scuola e la fine del caldo favoriscono le prime infezioni virali, per le quali, purtroppo, inutile illudersi, non c’è proprio nulla da fare se non aspettare che facciano il loro corso.

Io controllerei ogni tanto la febbre, farei dei bei lavaggi nasali con acqua di Sirmione o fisiologica, insegnerei al bimbo a soffiarsi bene il naso se ha l’età per farlo e a lavarsi spesso le mani.

Tutto il resto come Nureflex, Zirtec o simili sono solo optionals: prima la diagnosi certa, poi, eventualmente, se ve ne è una, la terapia.

A casa potresti provare a fare respirare al bimbo vapore caldo umido senza aggiunta di sostanze balsamiche e appena puoi, nei giorni liberi dalla scuola, sfruttare le belle giornate che ancora ci sono per farlo stare al mare o all’aria aperta. Anche se il muco dovesse persistere, se si mantiene trasparente e fluido non c’è da pensare a complicazioni o superinfezioni batteriche.

Per ora non pensare all’allergia: ci sarebbero anche altri sintomi oltre al muco trasparente e il prurito in gola può anche dipendere dalla infiammazione virale.

Un caro saluto,

Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone