Possibile celiachia o bimbo con colon irritabile?


Gentile dottoressa,

prima di tutto volevo farle tanti auguri per un anno nuovo sereno e felice e ringraziarla per il grande aiuto che dona a noi mamme.

Volevo farle una domanda: Michele, il mio bimbo di due anni è da un anno che sta facendo esami (ne ha fatti tre) del sangue per capire se è celiaco o allergico ad altro, poiché il suo problema principale è che si scarica due o tre volte al giorno, a volte normale, a volte acido e sfatto (come se il cibo fosse maleassorbito – per farmi capire, ritrovo i pezzi di carote, piselli o altro intatti nelle feci), alterna periodi in cui fa addirittura fatica a scaricarsi ad altri periodi come spiegato sopra.

Inoltre, è un bimbo che da quando è nato ha sempre avuto la pancia gonfia (come i bimbi africani -per farmi capire) anche se è un bimbo paffuto e per nulla magro, pesa 13 kg a due anni, la sua crescita è abbastanza buona e mangia tanto. È nato kg 3,300 al termine e ha bevuto il mio latte fino a 13 mesi (chiaramente con pappe e latte in polvere Humana 2 in aggiunta).

A questo punto, mi scuso per il mio lungo discorso ma volevo farle capire meglio la situazione. I primi esami del sangue che abbiamo fatto avevano questi risultati:

ferritina 13 ng/ml 10-150

folati 8,7 ng/ml 3,0-15,0

emoglobina 12,5

globuli rossi 4,84

ricerca ab antigliadina iga 7,4 u/ml fino a 7

igg 42 u/ml fino a 7

ricerca ab antitransglutaminasi iga 7 fino a 7

igg ga 8, igg 65

Gli ultimi esami ritirati ieri davano questi risultati: (tengo a precisare che li ho fatti in un ospedale diverso "ospedale S. Raffaele di Milano")

globuli rossi 4,83

emoglobina 12,5

ferritina 12 ng/ml 30-400 metodo eclia

anticorpi antigliadina iga 3 u.a 0-20 metodo elisa

igg 3 u.a 0-25 metodo elisa

anticorpi anti endomisio iga negativo

anticorpi vs transglutaminasi iga 0,1 u.a. 0,00-1,4 rba

anticorpi vs transglutaminasi igg 0,1 u.a 0,00-8,0 rba

Non capisco più nulla, la ferritina sembra bassa se guardo i parametri di livello ma nell’altro ospedale i parametri erano più bassi, come mai? Quale è quello giusto? Per non parlare della gliadina e della tranglutaminasi, sembra tutto a posto, non riesco più ad orientarmi, quale è il risultato giusto? Se il bimbo non fosse celiaco tanto meglio, ma non so se interpreto correttamente gli esami.

A questo punto mi sorge il dubbio che abbiano sbagliato…oppure può essere che Michele sia allergico al latte e proteine piuttosto che al glutine? Non so più cosa pensare, secondo lei cosa devo fare, fare altri esami e quali?

Mi scuso tanto per la lunga lettera e la ringrazio in anticipo per la sua risposta.


Per quanto riguarda gli esami di ferritina, folati, globuli rossi, ecc.: le differenze tra le due analisi sono prive di significato ed esse vanno, quindi, considerate equivalenti; per quanto riguarda le analisi anticorpali specifiche per la celiachia: terrei in considerazione soltanto i secondi risultati, quelli effettuati al San Raffaele, perché più in linea con gli standard ed essi mi sembrano sostanzialmente normali.

Se il dubbio permane, però, non resta altro da fare che le indagini genetico molecolari specifiche per la predisposizione genetica alla celiachia, cioè la ricerca dell’allele HLA DQ e HLA DR4 o DRB1: se positive, la celiachia non si potrebbe escludere, anche ad analisi anticorpali dubbie, perché fino a due anni di vita la sensibilità specifica di queste analisi non supera il 50-70%, contro l’85-99% dei risultati che si ottengono dopo il secondo anno di vita.

A mio avviso, però, si tratta semplicemente di un bambino con colon irritabile per il quale sarebbe bene impostare una dieta non troppo ricca di fibre, non troppo ricca di grassi animali e di latte intero e, nel complesso, sostanzialmente equilibrata sia qualitativamente che quantitativamente. Legumi e ortaggi vanno, non solo decorticati, ma anche passati a mano con il passaverdure e dati in quantità limitate, mentre cereali e carne, sempre ben sminuzzata, possono essere date liberamente.

Si dovrebbero evitare bevande gasate e dolcificate, coca cola, cioccolata, thè, caffè (ovviamente), frutta secca e dolciumi vari fuori pasto e il bimbo dovrebbe mangiare sempre ad orario regolare. Non mi sembra che vi sia motivo di preoccupazione.

Un caro saluto e Buon Anno.

Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento