Poppate prolungate


 

Buonasera Dottoressa,

ho un problema con mia figlia, di 46 giorni; premetto che è allattata al seno e alla nascita era 4,750 kg ed ora 6,000 kg.

Da circa una settimana quando allatto ho delle difficoltà perché la bimba si attacca con voracità , si stacca poco dopo piangendo facendo molta aria sia dalla bocca che dal sedere, ed allora devo coccolarla, la porto sul fasciatoio aspetto che finisca di arrabbiarsi. Le poppate, quindi, a volte durano anche un’ora e mezza.

Di conseguenza anche il suo sonno è molto cambiato, infatti riposa e dorme di meno. Si alimenta correttamente in questo modo? Sono solo coliche normali? È un problema di latte? Cosa ci consiglia per migliorare la situazione, considerando che questo modo di poppare crea degli squilibri negli orari della piccola e di conseguenza mi obbliga ad essere sempre pronta per la poppata a tutti gli orari?

La ringrazio infinitamente.

Poppate così prolungate creano sempre problemi prima o poi. Io regolerei la bimba alimentandola ogni tre ore, tre ore e mezzo, attaccandola circa un quarto d’ora ad ogni mammella con un intervallo di alcuni minuti tra un seno e l’altro per farle fare il ruttino.

Se la bimba succhia con voracità e rumorosamente, bisognerebbe cercare di modificare la sua modalità di suzione e il suo modo di fare aderire le labbra all’areola mammaria, perché la suzione rumorosa significa che la bimba ingurgita aria assieme al latte, cosa che non dovrebbe succedere.

Il pediatra curante, inoltre, dovrebbe poter escludere problemi di reflusso gastroesofageo o di ernia iatale e l’eccessiva aria nel pancino potrebbe essere meglio incanalata con la pratica del massaggio infantile.

Infine, visto che la bimba mangia voracemente e cresce anche molto, un occhio ad una corretta alimentazione della mamma è sempre importante, in modo che non ci siano eccessi di latte e derivati, di cibi grassi e di cibi dolci.

L’emissione di aria durante la poppata (dall’intestino), molto facilmente, dipende dal riflesso gastro-colico che si innesca nei lattanti quando lo stomaco si riempie di liquido caldo come il latte materno e che scatena vivaci movimenti peristaltici intestinali: non si tratta di vere e proprie coliche, ma se si esclude che la bimba soffra di reflusso gastroesofageo e i pianti durante le poppate dovessero accentuarsi, si può dare un farmaco anticolica un quarto d’ora prima delle poppate, anche ad ogni poppata purché a dosaggio ridotto.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone