Poca frutta e strane abitudine per addormentarsi


 

Salve Gentilissima Dottoressa,

il mio bambino di 19 mesi ha sempre mangiato ed assaggiato tutto con piacere. Da un paio di mesi ho smesso il passato di verdura perché non lo voleva più. Ultimamente non ne vuol sapere della frutta e ancora non mangia i contorni di verdura. Mangia solo il melone (se ne ha voglia), mentre prima prendeva di tutto (anguria, uva, banana, pera ecc).

Io, a differenza del primo figlio col quale ho insistito sul cibo e tutt’ora lo faccio altrimenti non mangia quasi nulla, non lo forzo perché in generale ho visto che se ha fame mangia e poi, se non ha mangiato abbastanza, beve il suo biberon di latte serale e la cosa mi tranquillizza. Però questa cosa della frutta non mi piace perché non credo prenda fibre e vitamine a sufficienza, infatti è un po’ stitico. Che fare?

Altro piccolo problema: oltre al suo ciuccio, ultimamente, per rilassarsi o dormire, vuole toccarsi il pisellino. Non si provoca nessuna erezione ma la cosa non mi scandalizzerebbe, non è questo. Però non vorrei che questa abitudine si radicasse e non riuscissi più a togliergliela. Mi devo preoccupare o devo lasciarlo stare come sto peraltro facendo?

La ringrazio dei suoi sempre preziosi consigli.

Un saluto.

Lascia tranquillo il tuo bimbo sia per quanto riguarda l’alimentazione che la sua attuale transitoria abitudine di esplorare il suo corpo e le reazioni che può avere. Lo scarso appetito potrebbe dipendere dall’eruzione dei canini, vista l’età, denti particolarmente fastidiosi quando nascono, oppure, chissà, dall’incubazione di qualche banale malattia infettiva che darà sintomi fra un po’.

Toccarsi il pisellino è, come ho detto, un modo per esplorare e conoscere meglio il proprio corpo, sia anatomicamente che alla luce delle reazioni che le manipolazioni procurano. Non c’è, ovviamente, malizia e nemmeno pericolo che possa diventare una abitudine. Potrebbe essere anche un gesto o una abitudine consolatoria in momenti di stanchezza o prima di addormentarsi. Lascialo fare e cerca di coccolarlo qualora ti accorgessi del suo bisogno di essere considerato e di avere attenzioni in certi momenti, oppure se noti che in certi momenti si immalinconisce un po’ e non è sempre del suo solito umore. Non preoccuparti di nulla se non di coccolarlo quando lo chiede.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone