Pigrizia, stitichezza, rigurgiti


 

Cara dottoressa,

mio figlio di un mese e 13 giorni è molto pigro. Anche quando è l’ora della poppata (ogni tre ore) si sveglia ma il tempo di attaccarlo al seno che già dorme. Ho provato con la doppia pesata e prende 60/80 grammi.

Il piccolo è anche un stitico e quando non riesce mangia molto meno.

La mia pediatra mi ha suggerito di fare l’ esame delle urine poiché rigurgita spesso un’ecografia.

È normale che dorma molto? Il latte che prende gli basta o ha bisogno di un’ aggiunta?

Grazie

 

 

 Non so quanto pesa il bimbo, non so se ha ancora un residuo di ittero neonatale, non so se ha effettuato lo screening per le malattie dismetaboliche e la sua tiroide è risultata normofunzionante, quindi proprio non riesco a valutare se il bimbo ha o meno un problema.

Qualsiasi quantità di latte succhi al seno, comunque, se crescesse di peso non sarebbe un problema. Per il resto, l’esame delle urine è abbastanza logico eseguirlo.

Ti ripeto, però, avrei bisogno di maggiori informazioni per dare un parere.

Un caro saluto, Daniela

 

 

Gentile dottoressa,

mi scusi per le poche informazioni. Il mio bimbo alla nascita pesava 3,500 kg, ha avuto un calo di 230 gr ed ora pesa 4,760 Kg.

Il piccolo ha un po’ di ittero, infatti gli occhi sono ancora molto gialli. Lo screening è stato fatto ed è tutto ok. Spero di averle dato tutte le informazioni.

Grazie

L’ittero giustifica la sonnolenza e la sonnolenza porta una riduzione del senso di fame: se mi dici che le sclere del bimbo sono ancora gialle, penso che i valori di bilirubinemia non siano inferiori a dieci o comunque siano attorno a quella cifra, quindi non penso che sia necessario procedere ad esami urine o indagini varie.

In questo caso il bimbo andrebbe svegliato per mangiare perché non ci si può basare sul suo appetito spontaneo, momentaneamente abolito o fortemente depresso. Per il peso che ha dovrebbe, mediamente, assumere circa 120 gr per 6 oppure 100 per 7 oppure anche meno, ma 8 volte, cioè poco più di 720 gr nell’arco delle 24 ore, ma con il latte materno i calcoli non si fanno e la doppia pesata è sconsigliata perché innervosisce e mette in ansia madre e figlio.

Basta sapere che della fame del piccolo non ci si deve fidare, attaccare il bimbo al seno ogni due ore e mezzo, tre e pesarlo solo una volta alla settimana, almeno finché non si sarà svegliato del tutto, al momento dello smaltimento dell’ittero.

Ma se si tratta di ittero da latte materno, la diminuzione sarà molto graduale e non bisogna aspettarsi grossi cambiamenti di colorito in pochi giorni. Se il bimbo continuasse a succhiare pigramente, attaccalo pure al seno ogni due ore e meZzo e accontentati di poppate da circa 90 grammi.

La sua crescita settimanale dovrebbe essere attorno ai 180, 200 gr. Non cedere alla tentazione delle aggiunte, però, pur di farlo crescere in questo modo. Se, invece, i valori di bilirubinemia non giustificassero l’inappetenza, un esame delle urine con eventuale urinocultura sarebbero necessari così come una visita generale per escludere altre problematiche di tipo infettivo (hai avuto lo streptococco di gruppo B nel tampone vaginale al momento del parto?).

Un caro saluto, Daniela

 

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone