Piccoli malanni di ritorno dal mare


Gentilissima Dottoressa,

a me e a mio marito è venuto un dubbio su un fatto accaduto (si è ripetuto 3 volte), così abbiamo pensato che forse Lei può darci una risposta.

Abbiamo portato nostra figlia di 3 anni al mare quest’anno, fermandoci, per 3 volte, per un periodo di 2 settimane (vacanze di Natale, Pasqua e ponti 25 aprile con 1 maggio). Al rientro a casa, la bambina ha ripreso la scuola materna e dopo una settimana è restata a casa malata per un qualcosa (tosse, raffreddore, influenza ecc.). Negli anni scorsi non era mai accaduto, passavamo sempre periodi al mare come questi. Da settembre a dicembre non siamo mai andati se non per un weekend e la bimba non è mai stata a casa dalla scuola materna. Il mare non dovrebbe far bene? Si dice sempre di portare i bimbi a far cambiare aria e sinceramente ci siamo preoccupati.

Grazie se potrà darci una spiegazione.

Marcella e Massimo


Cari genitori,

se la bimba si è ammalata dopo una settimana dal suo rientro a scuola, ci sono molte probabilità che le piccole infezioni che ha preso siano state contratte a scuola stessa e non durante i ripetuti soggiorni al mare, perché la durata media di incubazione, solitamente, è meno di una settimana, salvo eccezioni. A tre anni, poi, i bambini si ammalano, mediamente, anche più di sei volte l’anno e per capire se quest’anno la piccola si è ammalata più spesso bisognerebbe ricordarsi com’è stata dall’aprile dell’anno scorso ad oggi rispetto all’anno precedente: questi episodi potrebbero solo essere una semplice coincidenza. Un’altra considerazione che si può fare è che quest’anno la stagione è stata particolarmente fresca (e lo è tutt’ora visto che siamo già circa a metà maggio) e un soggiorno al mare, nonostante tutti i vantaggi che può portare, potrebbe anche essere stato un piccolo stress per l’organismo della bimba a causa del vento che può aver preso, o che so io, rispetto al clima più stabile al quale può essere abituata. Un’altra ipotesi è che la piccola sia, di base, un po’ allergica, con una iperreattività che si manifesta a livello bronchiale o delle prime vie respiratorie: sulle mucose cronicamente infiammate, basta poco per fare attecchire virus o batteri. Avendo tre anni, poi, mi chiedo se, per caso, quest’anno non abbia cambiato ambiente scolastico, cioè dall’asilo-nido alla scuola materna e se questi nuovi spazi che frequenta giornalmente non siano meno salubri dei precedenti, più affollati, eccessivamente riscaldati e così via. Infine, bisogna ricordare che l’aria di mare, specie se di scoglio, in qualche modo fa maturare infezioni latenti e quello che la bimba poteva avere in incubazione alla sua partenza per il mare, se tenuta a casa non si sarebbe manifestato in pieno, dopo un soggiorno al mare potrebbe essere esploso in modo più evidente: se questo fosse il motivo, sarebbe un fatto salutare e positivo. Purtroppo non posso che fare delle ipotesi senza conoscere la piccola.

Un caro saluto,

Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone