Piange per dolore, ma non sembrano coliche


 

Gentile dottoressa,

Le scrivo perché spero mi possa aiutare a risolvere un problema che mi sta facendo letteralmente impazzire.

La mia bambina ha 3 mesi e mezzo e da qualche settimana, ogni sera, inizia a lagnarsi per qualche decina di minuti per poi finire in un pianto assolutamente inconsolabile. Solo somministrandole la tachipirina si calma e, totalmente sfinita, si addormenta.

Premetto che non sono coliche perché ne ha sofferto durante il suo primo mese di vita e ho imparato, ahimè, a conoscerle. Non si tratta neppure di otite. La sto curando da circa 4 giorni con il Ranidil per una lieve forma di reflusso.

Sono sicura che la causa del suo pianto sia un dolore fisico perché oltre a piangere con le lacrime si calma assumendo la tachipirina.

Il pediatra non riesce a darmi una spiegazione che mi convinca. Per questo Le chiedo, secondo Lei, di cosa si tratta?

Per favore, mi aiuti a risolvere questo problema!!!

Ma perché escludi che possa avere delle coliche? Esse possono anche non dipendere da problemi digestivi ma da una relativa difficoltà a gestire il sonno incipiente e la stanchezza o a scaricare delle normali tensioni interne, quindi le coliche possono anche riconoscere una motivazione psicologica più che fisica, ma sempre di dolore si tratta.

Certo, anche il reflusso può essere responsabile, ma nel caso del reflusso l’irritabilità del bambino non è limitata ad un preciso orario serale e si presenta spesso dopo ogni poppata e di notte. La colica, invece, è prettamente serale o del tardo pomeriggio e tende a prolungarsi per ore fino a notte inoltrata, mentre durante le altre ore della giornata il bambino sembra tranquillo.

Allora, non sapendo come si sta alimentando la piccola, non posso darti dei consigli sull’alimentazione, ma posso invitarti a valutare la possibilità che si tratti di coliche e posso consigliarti di praticare il massaggio infantile (dopo avere seguito un corso), di regolare la tua alimentazione se allatti al seno o quella della bimba se viene allattata artificialmente.

Naturalmente niente ciuccio con miele e una quantità di latte artificiale, se lo assumesse, sempre molto regolata e non eccessiva o fai da te. Se fossero coliche, anche il lattobacillo reuteri potrebbe essere utile e, naturalmente, un farmaco anticolica.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone