Pfapa e cattiva respirazione notturna


Salve gentile dottoressa,

le scrivo per mio figlio, ha 30 mesi e dopo vari controlli per una febbrona che puntuale ogni 4 settimane arrivava a 40 ed oltre senza apparente causa, al Meyer di Firenze gli hanno diagnosticato questa patologia pfapa e da allora abbiamo risolto la cosa con una sola dose di bentelan da 0.5 appena arriva la febbre, che scende dopo circa 6 ore e non risale più; l’unico problema che è rimasto è che circa una decina di giorni prima che si scateni la febbre di notte respira malissimo, russa, fischia e a volte per pochissimi secondi va in apnea, ha comunque sempre le tonsille e le adenoidi ingrossate.
Vorrei chiederle se esiste un farmaco non nocivo che posso magari spruzzargli nel nasino per aiutarlo a star meglio, mi trovo per ora benino con l’acqua di sirmione, ma se esistesse qualcosa di più indicato sarei felice se potesse consigliarmelo,

Grazie
Veronica 

Esistono spray nasali a base di cortisone oppure le gocce di argento proteinato: si tratta di terapie che possono avere un effetto soddisfacente in fase acuta ma che lo hanno migliore se somministrati per lunghi periodi per tentare una riduzione del volume delle adenoidi.

L’otorino o comunque il pediatra che conosce bene il bambino sarà in grado di valutare l’opportunità o meno di questo tipo di terapia, non nocivo visto che si parla di somministrazioni locali anche se prolungato nel tempo.

Naturalmente una valutazione della presenza o meno di batteri patogeni – penso allo streptococco – sulle tonsille al momento dei periodi di difficoltà respiratoria immagino sia già stata fatta. 

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento