Peso a tre anni e mezzo


Gentile dottoressa,

le scrivo per Emma la mia bimba di tre anni e otto mesi. Lei è vivace curiosa molto vispa (già legge!) ma non riesco a farle prendere peso. Mangia regolarmente e con appetito normale (latte 200 circa con 2 biscotti al mattino, merenda a scuola, primo secondo e frutta a pranzo, merenda a base di yoghurt, brioche, biscotti, pane e burro, primo e secondo a cena) ma il suo peso è da mesi fermo 13 kg per una altezza di 98 cm. Le aggiungo che io peso 53 kg per 170 cm e mio marito 65 kg per 172 cm, le nostre famiglie sono composte da soggetti molto magri, ed in particolare la linea paterna è anche di statura molto bassa (emma somiglia molto al suo papà) per esempio mia cognata è alta 155cm per 42 kg e mia suocera idem.

Emma alla nascita pesava 2950 gr per 49 cm è stata dimessa con peso 2750. È nata alla settimana 39 con parto spontaneo e non ha presentato alcun problema. La gravidanza ha avuto un andamento regolare. È cresciuta regolarmente ma sempre non moltissimo ed all’anno di vita pesava 9 kg.
Per i successivi due anni e mezzo è cresciuta molto lentamente sino ad arrivare ad oggi con peso tredici kg ed altezza cm 96.

Ugualmente sono molto preoccupata, il mio unico cruccio è che sia sana, non mi interessa se sarà alta o bassa. Non accusa alcun sintomo degno di nota. La ringrazio per il suo parere.

I percentili di peso e altezza della tua bimba sono sovrapponibili a quelli della zia paterna, pertanto penso che abbia preso dalla linea femminile della famiglia del padre. Effettivamente esiste un divario non indifferente tra peso e altezza ma il peso della bimba era scarso anche alla nascita e anche rispetto alla lunghezza, pertanto credo che il problema sia costituzionale. Non avendo i valori di peso e altezza intermedi tra quelli attuali e quelli di nascita, non posso capire se vi sia attualmente un arresto di crescita ponderale o se la piccola sia sempre cresciuta pochino in peso. Se nell’arco di questi tre anni di vita o poco più la bimba fosse sempre cresciuta in modo regolare con una curva di crescita sovrapponibile e parallela a quella di normalità, anche se su percentili bassi, non ci
sarebbe nulla di cui preoccuparsi.

Se, invece, si stesse assistendo ad un arresto di crescita ponderale, dopo alcuni mesi di osservazione, con una curva di crescita non più parallela a quella della normalità, sarebbe bene procedere con alcuni accertamenti. Ma propendo per la prima ipotesi.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone