Peridon sotto accusa? 2


Gentile d.ssa,

mio figlio la scorsa settimana ha avuto una forma influenzale gastroenterica. Come già successo nei suoi 3 anni di vita, ho somministrato una supposta di peridon per calmare il vomito e una dose consistente di coccole. Dopo qualche giorno, parlando con mia cognata, sono venuta a conoscenza del fatto che il peridon è sotto accusa per gli enormi effetti collaterali, anche a livello neurologico, che già alcuni ospedali non lo somministrano più e che presto si prevede il ritiro definitivo dal commercio.

La mia sorpresa è stata enorme, dato che non solo non ne sapevo niente, ma neppure la mia pediatra, che ho visto poche settimane fa, mi ha messo a conoscenza di qualcosa del genere.

Cosa sa dirmi in proposito?

Non sono a conoscenza di quanto mi dici e non ho trovato nessuna notizia in merito su internet. Gli effetti collaterali di tipo neurologico del farmaco, a quanto ne so, sono rari casi di disturbi del sistema extrapiramidale, cioè del tono muscolare con aumento e con comparsa di tremori o di movimenti involontari. Non si tratta, in ogni caso di effetti collaterali particolarmente preoccupanti e sono reversibili, scomparendo al momento della sospensione della terapia. Negli adulti questi disturbi sono praticamente inesistenti, mentre nei bambini sono considerati molto rari e comunque reversibili.

Essendo il peridon un farmaco procinetico, che favorisce, cioè, lo svuotamento dello stomaco e che quindi si prescrive spesso in caso di reflusso gastroesofageo, non vorrei che tua cognata si confondesse con altri farmaci procinetici come la cisapride, che non si utilizza praticamente più nei bambini per la possibilità di insorgenza di effetti collaterali non solo di tipo neurologico, anche se diversi da quelli paventati per il peridon, e anche di tipo cardiologico. La frequenza di questi effetti collaterali è considerata, pur nella sua relativa rarità, maggiore rispetto alla probabilità di insorgenza degli effetti collaterali in seguito alla assunzione di peridon, pertanto, pur non essendo ritirato dal commercio, almeno per quanto ne so io, i pediatri solitamente non lo prescrivono più. Ma, sempre per quanto è in mia conoscenza, non è così per il peridon che rimane il farmaco di scelta per bloccare il vomito – per bloccare il vomito si usano di solito peridon o plasil, che sono la stessa cosa –

Comunque potrei non essere sufficientemente aggiornata e coglierò l’occasione per informarmi ulteriormente.

Un caro saluto, Daniela

 

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone