Pancia gonfia


Buonasera,

mia figlia ha quasi 15 mesi e ho notato che ha una pancia molto grande. Pesa circa 11 kg, e la pancia rispetto al corpo sembra essere molto grande. Non so se sia perché da quando ha compiuto l’anno di vita sono passata dal latte in polvere direttamente a latte parzialmente scremato (ALA)…

Mangia regolarmente: latte la mattina, spuntino (quasi sempre un frutto), pranzo, al pomeriggio un fruttolo e pappetta la sera… il latte prima di andare a letto non lo beve più da un pezzo, ha iniziato a rifiutarlo cosė sono passata direttamente ad una camomilla… scarica regolarmente ogni giorno… non so se queste informazioni possano essere sufficienti per avere qualche consiglio…

Vi ringrazio,

Elisa

Non conoscendo l’altezza della bimba, non posso capire se i suoi 11 chili che ad occhio e croce sono normali per la sua età, siano eccessivi o meno, ma a volte la pancia gonfia non è altro che una costituzionale ipotonia dei muscoli della parete addominale (spesso ereditata da uno dei genitori che, visto che è una femmina, potrebbe essere il padre)
Oppure un rapporto ancora di tipo infantile tra una gabbia toracica relativamente poco sviluppata e un addome normo o a volte ipersviluppato. Altro motivo di addome prominente potrebbero essere errori alimentari di tipo qualitativo anche se non quantitativo, con una prevalenza netta di grassi e carboidrati a spese delle proteine (troppi formaggi, cereali, dolcetti, latte e derivati anziché carne o pesce). Una ipotesi remota sarebbero le intolleranze alimentari ma la bimba mi sembra decisamente un po’ piccola per pensare ad esse. Non ho abbastanza elementi per capire il problema.

Qualora dipendesse da una ipotonia della muscolatura, perché non iniziarla al nuoto? Se hai la possibilità di accedere ad una piscina attrezzata per l’acquaticità dei bambini piccoli con acqua sufficientemente riscaldata e istruttori specializzati sarebbe una idea da tenere in considerazione.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento