Palpebre inferiori leggermente gonfie


Salve, non sono una mamma, ma un papà di un bimbo di 1 anno.
Da qualche giorno ho notato che il piccolo al risveglio ha le palpebre inferiori leggermente gonfie. Questa situazione peraltro si normalizza nel corso della giornata. Il bambino ha goduto finora di ottima salute, salvo un pò di raffreddore negli ultimi tempi. Beve ed urina molto.
E’ un fatto normale dopo il risveglio, quello che ho descritto?
Grazie della risposta.




Può essere un problema costituzionale se, almeno alla stessa età, uno dei due genitori ha manifestato lo stesso problema, può dipendere da una allergia a qualche componente del cuscino – se lo usa – o del materasso – lana, crine, piume o altro – oppure allergia a detersivi o ammorbidenti con i quali si lavano le lenzuola o le federe; può dipendere da una alimentazione troppo ricca di sale che tende a far trattenere liquidi oppure ad una carenza di alcuni sali minerali come il potassio. Anche problemi respiratori notturni possono creare questo transitorio inestetismo al risveglio. Tenderei ad escludere problemi endocrini o di malfunzionamento della tiroide perché il tuo pediatra avrà senz’altro valutato ed escluso anche questa ipotesi. Infine vi potrebbe essere soltanto una particolare lassità e sottigliezza della cute che ricopre le palpebre inferiori che permette, in certe ore di mancanza di movimenti oculari, una stasi circolatoria a livello dei capillari della zona con conseguente fuoriuscita di liquidi in posizione sdraiata, soprattutto se il bimbo tende a dormire in posizione prona e non supina. Le due ipotesi che tenderei a fare sono la costituzionalità e una possibile allergia (specialmente se di giorno il gonfiore si trasforma in una colorazione lievemente più scura o rossastra come fossero occhiaie) benché, non conoscendo il bimbo e non potendolo nemmeno vedere, mi riesce molto difficile azzardare ipotesi. Anche una carenza di lacrime può provocare lo stesso disturbo (bambini che piangono spesso senza produrre lacrime).

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone