Ossiuri


 

Salve,

 

può sembrare una cosa stupida ma se gli altri ti mettono la pulce nell’orecchio allora ci si preoccupa.

 

Le volevo chiedere delle informazioni, la mia bimba mentre dorme fa dei salti come di paura e ne fa spesso, mi hanno detto che possono essere i "vermi" è una cosa seria e fondata?

 

E se si cosa posso fare ? (premetto che mi hanno detto di far annusare un po’ d’aglio).

 

Grazie

 

 

 

 

I parassiti intestinali, soprattutto gli ossiuri, possono rendere il sonno di un bambino agitato e molto spesso i bambini infestati da ossiuri o altri parassiti soffrono di bruxismo notturno, cioè digrignano i denti facendo uno strano rumore.

 

Ma i "salti" che dici tu sono frequenti, specie nei momenti di addormentamento o nel primo sonno dei bambini e non sono per forza sintomo di infestazione da parassiti ma semplicemente del fatto che durante il sonno viene meno l’azione di controllo e di inibizione sui movimenti esercitata dalla corteccia cerebrale, pertanto possono manifestarsi scariche motorie inconsulte che durante lo stato di veglia sarebbero da essa inibite.

 

L’aglio dovrebbe essere mangiato e per di più crudo, ma la cosa migliore da fare, se la semplice osservazione accurata delle feci non porta a nessun risultato, è l’esame parassitologico delle feci stesse, sia per la ricerca degli ossiuri che per elminti o altri parassiti.

 

Se la bimba fosse pallida, accusasse dolori addominali di tipo crampiforme anche soltanto occasionali, avesse l’addome spesso gonfio e presentasse ogni tanto vomito, sarebbe bene controllare anche la presenza della giardia, specificandola nella richiesta perché il procedimento per trovarla è diverso rispetto alla ricerca degli altri parassiti.

 

Anche un emocromo potrebbe essere utile a causa dell’aumento significativo dei globuli bianchi eosinofili che molte infestazioni da parassiti comportano.

 

Il tuo pediatra saprà di certo orientarti in questa ricerca se sarà necessario e opportuno farla.

 

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento