Ossa del cranio


 

Buongiorno,

sono la mamma di un bimbo di tre mesi. Accarezzando la testa ho scoperto che ha circa 2/3 cm sopra all’ orecchio (dalla parte dx, dalla sx solo un accenno) un canale, come un solco nel cranio lungo circa 5/6 cm, arriva fino quasi alla fontanella centrale, largo un mezzo dito e profondo

1/2 millimetri.

Può essere normale a questa età o richiede di una visita specifica?

Specifico che il bambino dorme in posizione supina ed ancora non si gira per cui non penso possa trattarsi di una piega presa nel sonno.

Grazie in anticipo.

Sinceramente, senza poter visitare il bimbo non sono sicura al 100% di avere intuito di cosa si tratta.

Posso dirti, però, che una linea virtuale che unisce la zona immediatamente sovrastante il lobo dell’orecchio alla fontanella anteriore o bregmatica corrisponde alla linea di sutura tra le ossa piatte parietali e temporali, ancora non del tutto ossificate alla nascita e quando i margini contigui di queste due ossa non aderiscono perfettamente tra loro per incompleta o ritardata ossificazione, si può creare una distanza tra queste due ossa, o diastasi, che fa comparire un avvallamento proprio nella zona del cranio dove l’osso manca.

Quando questa diastasi è presente su tutti i margini di sutura, disegna, in un certo senso, una croce sul cranio del bimbo, con una linea di direzione anteroposteriore, al centro del cranio, sul margine di sutura delle due ossa parietali e una linea a direzione latero-laterale, perpendicolare alla precedente, che va da orecchio a orecchio e incrocia la precedente a livello della fontanella bregmatica o anteriore.

Se la mia ipotesi fosse giusta, non ci sarebbe nulla di particolarmente anomalo e si dovrebbe attendere il completo congiungimento dei due margini ossei. Il bimbo va comunque fatto controllare da questo punto di vista, così come la velocità di accrescimento della sua circonferenza cranica, innanzitutto per chiarire il motivo di questa obiettività, che io posso avere soltanto ipotizzato, ma senza la certezza di avere colto nel segno e per capire se si tratti effettivamente di ritardata ossificazione o di altra patologia, sempre che vi sia una patologia.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone