Orticaria recidivante


 

Gentile Dottoressa,

ho una bambina di 14 mesi e mezzo e da un mese ha una orticaria recidivante. Presto faremo una visita allergologica per capire cosa la scatena.

Ho notato però che da 3 giorni le compaiono macchie rosse sulle guance e sul mento più volte al giorno. Scompaiono e ricompaiono. Le macchie sembrano rossori da accaldamento ma compaiono anche se la bimba è ferma senza accaldarsi. Sempre dopo pranzo comunque.

Devo continuare con Tinset? Cosa potrebbe essere?A me non sembrano le solite macchie dell’orticaria.

Grazie Mille

Carmen

L’orticaria cronica e quella recidivante non sono quasi mai problemi di facile inquadramento. I soggetti che ne soffrono, di solito sono predisposti geneticamente a questo tipo di manifestazione che può o meno essere scatenata da una innumerevole quantità di allergeni. La prima cosa da fare, è, quindi, la visita allergologica con conseguenti prove allergiche che, però, a questa età, non risultano sempre positive anche in caso di allergia (alimenti, pollini, acari della polvere, ecc.).

Bisogna poi tentare di eliminare dall’alimentazione della piccola dei cibi liberatori di istamina o cibi contenenti forti quantità di istamina che è la sostanza che provoca i pomfi e le chiazze orticarioidi (pomodoro, zucchine, spinaci, legumi, parmigiano e altri formaggi fermentati, agrumi, pesce, fragole, cioccolato e molto altro). Poi bisogna controllare che la bimba non sia affetta da micosi in quanto anche i lieviti e i funghi possono provocare reazioni allergiche: per esempio candida nel tratto intestinale o genitale, mughetto in bocca, ecc.

Anche la somministrazione di farmaci, in alcuni soggetti predisposti, può scatenare orticaria: si tratta, di solito, di antibiotici come ampicilline o altri derivarti dalla penicillina, antipiretici, aspirina, antinfiammatori non steroidei come niflan o nureflex o simili, ma anche la presenza di batteri sulle tonsille, del famoso helicobacter nello stomaco o semplicemente di una anemia da carenza di ferro può essere la causa di orticaria.

Si tratta di solito di soggetti che sono atopici o che hanno sofferto di dermatite atopica in passato o di eczemi vari. Il problema, quindi, è molto vasto e non può che essere preso passo per passo sottoponendo la piccola a varie analisi mirate.

La terapia, comunque, è sempre l’antistaminico perché di solito non è meno efficace del cortisone con il vantaggio di non avere effetti collaterali di rilievo contrariamente al cortisone, specie se somministrato per lungo periodo. Naturalmente anche l’allontanamento della causa scatenante, quando verrà scoperta e se si potrà scoprire, sarà fondamentale per la soluzione del problema che, comunque, prima o poi, si attenua molto se non addirittura scomparirà.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone