Ore di sonno a tre mesi


Gentile dottoressa,

mia figlia ha compiuto esattamente tre mesi, dal secondo mese ha iniziato a dormire di notte; il mio dubbio riguarda i suoi orari, infatti si addormenta solo dopo l’ultima poppata tra le 00.30 e l’1.00, fa una poppata alle 6 di mattina senza svegliarsi, la prendo addormentata e la rimetto giù dopo la poppata, alle 9.30 la sveglio per la colazione e lei ancora dormirebbe, dopo si riaddormenta verso le 10.30/11.00 fino alle 13.00 (anche in questo caso la devo svegliare io per la poppata). Di giorno non dorme mai, non fa mai pisolini pomeridiani, si assopisce al massimo 20 minuti dopo le poppate.

Dorme forse troppo la mattina? Come posso fare per aiutarla? E la sera dovrebbe addormentarsi prima? La sera e il pomeriggio sembra stanca, ha gli occhi rossi e piange dal sonno, ma non c’è verso di farla addormentare. Inoltre quando dorme di notte ha sempre il sonno agitato, si lamenta, si agita e fa versi tutto il tempo. Premetto che l’allatto esclusivamente al seno e che  la bambina è in cura con antiacido per lieve reflusso. Infine da quando è nata, le faccio seguire una routine regolare con passeggiata e bagnetto tutti i giorni alla stessa ora.
Grazie e buona giornata

Nei primi mesi di vita è di comune riscontro vedere bambini che scambiano il giorno per la notte e che tendono a dormire bene e a lungo solo dalle prime ore della mattina in poi per poi essere svegli e arzilli fino a tarda sera. Quello che conta è il numero complessivo di ore di sonno, indipendentemente da quando dorme il bambino e il comportamento sereno quando è sveglio. La bimba è ancora molto piccola e io non cambierei le sue abitudini almeno fino al sesto mese in quanto il sonno dei bambini è sacro e va rispettato a qualsiasi ora.

Piuttosto, se noti che la piccola ha un sonno agitato, puoi provare a modificare un po’ la tua alimentazione eliminando per alcuni giorni latte, latticini e cibi contenenti molti grassi animali come brodi di carne, ecc. e a ridurre i cibi contenenti molti zuccheri come dolci biscotti, ecc.. Se questi accorgimenti avranno effetto positivo, li manterrai per almeno due settimane per poi riprendere la solita alimentazione, esclusi gli eccessi, con gradualità. Piuttosto, perché le dai la poppata alle sei quando dorme ancora? Hai provato a non darla e ad aspettare il risveglio spontaneo per fame della piccola? La fame è un ottimo motivo di risveglio, ma se non le fai mai provare questa sensazione la piccola sarà sempre sazia e non si sveglierà di mattina come tu vorresti.

Prova a vedere cosa succede saltando la poppata delle sei.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone