Non vuole masticare


Salve ho un bimbo di 3 anni che non ne vuole sapere di masticare ed ancora oggi sono costretta a tritargli la carne, il prosciutto e mangia pastina piccola.
La colpa di tutto ciò la dò a me che, per paura che si affogasse, non gli ho mai dato nè pane nè biscottini all'età che si inizia a dare.
Ma ora sono disperata e chiedo consiglio.
saluti Antonella

Cara Antonella,
il problema di fare accettare ai bambini i cibi che sono costretti a masticare è diffusissimo e non sempre è legato all'ansia della mamma che si possa strozzare e quindi al fatto che i cibi solidi non gli sono stati proposti a tempo debito. Non fartene un cruccio. Comincia col dargli piccole cose solide che lui mangerebbe con gusto: un pezzettino di pizza del fornaio, una strisciolina di pane casereccio dalla parte della crosta, piccoli bocconcini di pane o polenta al forno con formaggio spalmato sopra che lui possa prendere con le mani e mette in bocca, pezzetti di banana o pera messi lì sul suo piattino. Tutte queste cose o altre prelibatezze proponile quando il bimbo ha più fame, cioè ad inizio pasto. Se lui insiste a non toccarle prova a giocare un po' con lui inventando una storiella dove i bocconcini sono protagonisti e magari scappano per non farsi mangiare o roba del genere. Se anche questo non funziona, passa al secondo piatto di riserva magari morbido o a zuppetta come piace a lui ma che sia lui a mangiare da solo con il cucchiaio e non tu ad imboccarlo. Lascialo a mensa a scuola, se ti è possibile: vedendo gli altri compagni arrangiarsi da soli prima o poi vorrà imitarli. Fallo mangiare assieme a tutta la famiglia preparando per lui le stesse cose che prepari per tutti. Non ti preoccupare se, così facendo, mangia meno anche per alcune settimane: il bimbo è già grandino e non gli succederà nulla. Solo, cerca di lavorare su te stessa e sulle tue ansie: forse la paura che tuo figlio si strozzi ne nasconde altre, come, per esempio, quella di vederlo crescere con la consapevolezza che prima o poi si dovrà staccare da te.
Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone