Non le piace il latte ed è stitica


 

Gentilissima dottoressa,

volevo sottoporle due problemi.

La mia bimba di 14 mesi ha preso esclusivamente latte materno fino a 10 mesi, poi ha deciso da sola di smettere, e da allora cerco di darle latte vaccino a colazione, parzialmente scremato e bollito, all’inizio diluito con acqua, arrivando poi al solo latte. Ma non le piace! Se va bene ne prende due o tre cucchiaiate con il pane oppure due oro saiwa. Non le piace neppure frullato con frutta. In generale non ama le cose dolci. Mangia bene yogurt, stracchino, parmigiano, ma niente latte. Come posso farglielo piacere? Oppure potrei provare a prendere il latte di altri tipi, vegetale, ecc? Gradirei evitare quelli artificiali.

La mia bimba, poi, mangia di tutto: pasta, carne, pesce, verdure, passati di verdure, frutta fresca. Ma beve poco, a mio avviso, e rifiuta il bicchiere se proviamo a darglielo quando non ha sete. Forse il non bere latte e il bere poca acqua sono la causa della sua stitichezza. Infatti da quando a 4 mesi e mezzo ho iniziato a darle oltre al mio latte anche della frutta fresca grattugiata, ha iniziato ad avere problemi di stitichezza: ha lo stimolo più volte al giorno, si sforza, ma non riesce ad evacuare- Il pediatra ci ha sempre detto che l’unica cosa da fare sono i microclismi. Ma siamo al punto di fargliene uno al giorno, e ora che è più grande lei è terrorizzata!

Le ho già scritto, ho cercato di seguire i suoi consigli alimentari, ma senza successo. Il pediatra mi sconsiglia il kiwi per le allergie. Ora un’amica di famiglia, adulta però, ha risolto un suo problema di stitichezza temporanea con dei fermenti lattici, con un prodotto che si chiama Enterolax duo, ma che sembra contenere anche fermenti di origine umana- Mentre il mio pediatra, all’ennesima richiesta di aiuto da parte nostra, ci ha consigliato il Portolac 5g polvere orale, ma è un lassativo e non vorrei potesse dare più problemi. Abbiamo anche iniziato a darle a colazione 100g di omogeneizzato alla prugna, mentre fino ad ora non le avevo mai dato omogeneizzati, ma anche quello non da risultati. Che ne pensa?

Grazie per la sua disponibilità e cortesia. Con gratitudine, Elisabetta74

Il latte può essere arricchito con orzo solubile oppure può essere tranquillamente sostituito con lo yogurt, diciamo un vasetto e mezzo di yogurt, cioè 180 gr di yogurt corrispondono a circa 230-250 gr di latte, quanto, di solito, viene dato ad un bimbo di 14-18 mesi a colazione quando fa quattro pasti al giorno di cui soltanto due a base di latte o derivati; ma anche un vasetto soltanto potrà andar bene.

Il latte può anche essere dato intero, se alla bimba piacesse di più e se non fosse una grande bevitrice di latte limitandosi a meno di mezzo litro al giorno. Il latte può anche essere aggiunto alle patate lessate e schiacciate quando si fa il purè oppure aggiunto ad alcune verdure bollite quando si fanno gratinate al forno, però è totalmente sostituibile con i formaggi anche se è bene non dare formaggi proprio tutti i giorni.

Lo yogurt può essere dato anche due volte al giorno. I liquidi possono essere assunti sotto forma di tisane, di passati di verdura, di frullati vari, di succhi di frutta e, in fondo, non è difficile fare assumere circa 800 gr o un litro di liquidi al giorno complessivi considerando latte, tisane, yogurt, frutta (più dell’80% del peso della frutta e della verdura è dovuto all’acqua).

Anch’io sono del parere di smettere con i microclismi e di giocare molto con l’alimentazione. Il kiwi, è vero, potrebbe essere allergizzante, ma non è detto che lo sia per tutti i bambini e siccome tutta la frutta che contiene semini o granulosità stimola la peristalsi intestinale, i kiwi, come le pere, i fichi ecc. sono molto efficaci per combattere la stitichezza, specie se assunti di mattina, quindi una piccola quantità di kiwi, magari mista a pera, prugna, qualche cucchiaino di succo di arancio può essere data salvo ad eliminarla in caso di provate manifestazioni allergiche, visto che è uno dei frutti più efficaci per combattere la stitichezza, specie se cronica.

Un altro consiglio potrebbe essere quello di preparare lo yogurt a casa in modo che contenga fermenti lattici freschi. Anche i legumi e i biscotti all’avena oppure la minestra a base di avena sono ottimi apportatori di fibre utili per la stitichezza. Ogni tanto, ma per periodi limitati, un leggero lassativo osmotico come Magrogol o Portolac possono andar bene, ma non si possono usare continuativamente e possono provocare meteorismo. Infine, in caso di stitichezza ostinata vera, una visita che comprenda anche una esplorazione rettale sarebbe da consigliare.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone