Neonato inquieto


 

Buon giorno dottoressa Daniela,

Le scrivo per chiederle alcune cose per mio figlio che ha tre mesi e mezzo. Lo allatto esclusivamente al seno e dalla seconda settimana ha sofferto di coliche dopo ogni poppata quindi è stato sempre un po’ disturbato.

Ora sembra stare un pochino meglio ma a me sembra spesso inquieto, piange spesso, è sempre in movimento, non riesce a stare sdraiato se non per poco tempo e vuole sempre stare in braccio, in posizione dritta o seduta, porta spesso le mani in bocca e sulla faccia, la salivazione è abbondante, quando dorme si sveglia quasi sempre piangendo.

Può essere ancora disturbato da qualcosa? Durante la notte si sveglia due-tre volte per mangiare poi si riaddormenta. Durante il giorno dorme poco, quasi sempre pochi pisolini di mezz’ora. Le poppate durante il giorno sono variabili a volte passano tre ore altre volte anche 1 o 2 ore. A volte si attacca e mangia nervosamente. Ho notato che spesso si attacca per scaricare e poi sta meglio o comunque si attacca per ricevere un po’ di sollievo e rilassarsi. Ho notato che spesso ha anche uno sfogo sul viso con puntini rossi. Per il resto è un bambino che cresce bene, pesa 7 kg. Le ho descritto la situazione aspetto un suo consiglio, grazie mille.

Il bimbo potrebbe avere fastidi legati al reflusso anziché coliche, oppure entrambe i disturbi. Per le coliche, se lo allatti al seno dovresti fare il tentativo di eliminare latte e latticini dalla tua alimentazione oltre a brodo di carne, cavoli e broccoli, dolci con crema o cioccolato o panna e via discorrendo inclusi i legumi, i piselli, peperoni, melanzane e tutte le verdure note per sviluppare meteorismo.

Per il problema del reflusso devi parlarne con il pediatra che segue il bimbo ed iniziare, magari, una terapia con antiacidi, più tutti i consigli che si danno in caso di reflusso come posizione verticale, marsupio, materasso rialzato, ecc. che puoi leggere ampiamente sul sito se non lo hai già fatto.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone