Neonato e stitichezza


 

Gentile dottoressa,

le scrivo per chiederle come posso aiutare il mio bambino. Fabio è nato a 36 settimane e pesava 2.210. Fin dall’inizio mi hanno detto di alimentarlo tramite allattamento al seno e latte artificiale Humana 1 per farlo crescere.

Non ha mai sofferto di stitichezza, anzi faceva scariche quasi ad ogni poppata. Da circa dieci giorni. scarica ogni due giorni. con feci cremose e gialle ma abbondanti. Adesso sono due giorni. che non scarica, il terzo giorno ha scaricato in maniera irrisoria e fa molta aria.

Premetto che mangia in maniera avida dal seno dal quale si stacca e si riattacca veracemente.

Poi vorrei chiederle un’altra cosa: dato che all’inizio non cresceva, anzi tendeva a perdere peso, mi hanno detto di alimentarlo tramite alimentazione mista, cioè seno e latte artificiale, Humana 1.

Adesso Fabio pesa 3350, prende circa 250 grammi alla settimana, però mi chiedo: devo continuare con allattamento misto fino allo svezzamento? O posso dargli adesso solo il mio latte?Consideri che ora lo allatto per 15-20 minuti al seno e alcune volte devo staccarlo io, e poi assume all’incirca 60-70gr di latte artificiale per 7-8 poppate al dì.

La mia paura è che allattandolo solo io non cresca abbastanza perché non so se ho latte sufficiente per nutrirlo.

Le chiedo consigli. Grazie anticipatamente.

Chiudi a chiave la bilancia oppure restituiscila alla farmacia se l’hai affittata o regalala ad un’amica alla quale non vuoi bene e attacca il bimbo al seno ogni volta che lo chiede senza assolutamente preoccuparti di quanto prende ogni volta e pesandolo soltanto una volta al mese se il bimbo ha già compiuto il primo mese di vita.

Nascondi anche il tuo orologio e tutti gli orologi di casa e allattalo ogni volta che lo chiede, notte o giorno che sia. Non pensare ad altro che al tuo bimbo e, se hai bisogno di recuperare il sonno notturno interrotto, dormi o cerca di dormire ogni volta che il tuo bimbo dorme.

Considera normale:

1) se il bimbo, dopo avere svuotato tutti e due i seni, si mostra sereno e non piange per richiedere altro latte; 2) se bagna circa 6 pannolini al giorno;

3) se le sue feci, pur emesse ogni due o massimo tre giorni, sono cremose, gialle, insomma, di aspetto normale;

4) se la sua crescita settimanale è di 180-200gr o anche un po’ meno, il ché significa una crescita mensile di 700 gr circa (tanto di guadagnato se crescesse di più, ma nessuna tragedia qualora dovesse, invece, crescere di meno fino a soli 500-600gr al mese (sotto ai 500 gr al mese l’aggiunta sarebbe necessaria);

5) considera anche normale un intervallo tra le poppate di due ore, due ore e mezzo;

6) concentrati sulla crescita del bimbo in lunghezza, che deve essere sempre nei limiti della norma e su una crescita di peso, poca o molta che sia, purché ci sia e sia costante;

7) togliti dalla testa gli schemi precostituiti e allontanati dalle persone che te li vogliono imporre a tutti i costi impedendoti di ragionare con la tua testa e di coltivare quella sensibilità e quella intuizione particolari che tutte le mamme avrebbero se non fossero così spesso pesantemente condizionate dall’ambiente che le circonda;

8) cerca di mangiare sempre adeguatamente e di bere molto, aiutandoti, magari, con tisane galattagoghe, verdure, finocchi ecc. Fai pasti leggeri, nutrienti e frequenti, a cominciare da una buona colazione la mattina e non stare troppe ore digiuna, cioè alimentati almeno cinque volte al giorno, come fanno i bambini. Mantieni una regolare attività motoria e passeggia ogni giorno con il tuo bimbo in un ambiente salubre per una o due ore; se tendi ad avere la pressione bassa, vai in montagna e mangia un po’ più salato. Abbi più fiducia in te stessa e nel tuo bimbo e non te ne pentirai.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone