Neonato che non vuole stare steso


Buongiorno,
La disturbo di nuovo, dottoressa.

Sono la madre di un bimbo di 3 mesi e 1 settimana, nato a termine con taglio cesareo (dopo un travaglio lungo per mancato impegno).

Alla nascita pesava 3060g per 50cm, con cc 34,5.

Adesso pesa 7kg ed è lungo 62cm con la cc 42(LE MISURE LE HO PRESE IO).
È stato sempre allattato al seno e adesso sono preoccupata dal fatto che a febbraio dovrò tornare al lavoro: non so come fare. Lui mangia spesso e non vorrei passare al latte artificiale, ma non è per questo che le scrivo.

Il mio Eduard, già da un po’ di tempo, quando è sveglio non vuole stare più steso sul letto, ma vuole stare seduto.
Io lo metto a 45°, ma ho letto che non va bene perché troppo presto.
Oltretutto, se lo si tiene per le manine, lui si alza subito in piedi e si arrabbia tanto se lo metto giù.
È vero che lo tengo cosi per un attimo, ma non e che sto sbagliando?
GRAZIE

P.S.: Ho seguito il suo consiglio e ho bevuto più tisane e ho notato che il latte è tornato più abbondante.


Puoi farlo muovere e giocare come vuole, tanto, non riuscendo ancora a rimanere seduto da solo senza appoggio per mancanza di equilibrio, avrà sempre bisogno di qualcuno o qualcosa che lo sorregga, sia in piedi, sia seduto e il peso del suo corpo o della sua schiena non graverà né sul bacino, né sulle gambe, o almeno non del tutto.

I bimbi hanno bisogno di muoversi e, nei limiti del possibile, vanno assecondati ed aiutati nei loro movimenti: loro sanno meglio degli adulti quello che possono o non possono fare dal punto di vista motorio (non parlo dei pericoli, s’intende, dai quali bisogna sempre preservarli, ma dei movimenti in generale e di tutte le nuove esperienze motorie che desiderano fare).

Un caro saluto, Daniela.

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone