Muco nelle feci


Gentle Dottoressa,

ho un bambino di un mese che soffre di colichette per cui per un periodo di tempo ha assunto il latte pantolac digest e da quel momento ha avuto feci liquide con muchi. Sospeso questo latte e tornato al Mellin 1 le feci sono tornate di normale consistenza ma continuano a presentare muchi (consideri che faccio ogni giorno lavaggi nasali e non sembra particolarmente raffreddato). Inoltre, quando succede che rigurgita dopo aver mangiato, spesso emette latte non liquido ma viscido, come mucoso appunto. A cosa può essere dovuto tutto ciò?

Un’altra domanda: da alcuni giorni ho frequente stimolo alla minzione… penso che sia un inizio di cistite. Vorrei sapere se posso assumere il Monuril dato che allatto al seno.

Grazie

Il Monuril è un antibiotico (fosfomicina) particolarmente adatto per terapie molto brevi (mono o bi somministrazione) che non procura particolari effetti collaterali se non eventualmente e raramente lievi disturbi a livello gastro enterico e che non mostra particolare tossicità tanto è vero che viene prescritto anche in età pediatrica con tutta tranquillità. È, poi, difficile ritrovarlo nel latte in quanto non si lega alle proteine plasmatiche e viene eliminato per via renale dal soggetto che lo assume. Si sa che la presenza nel latte materno di farmaci assunti dalla nutrice è proporzionale alla loro possibilità di legarsi alle proteine plasmatiche che permettono e veicolano il loro passaggio nel latte materno. Pertanto si può dedurre che, non essendoci legame tra proteine plasmatiche e fosfomicina, non vi sia passaggio del farmaco nel latte materno. Si sa, inoltre, che il farmaco raggiunge la sua massima concentrazione dopo tre ore dalla sua assunzione per bocca e che deve essere assunto a stomaco vuoto per favorire il suo massimo assorbimento. Pertanto si può consigliare alla mamma di assumerlo tre ore dopo cena se il bimbo non si attacca al seno di notte oppure appena finita l’ultima poppata nel periodo del giorno o della notte in cui la durata del sonno del bimbo è maggiore, diciamo di sei o più ore.

Per quanto riguarda il muco presente nelle feci e nel materiale gastrico vomitato: di solito è di provenienza dalla alte vie respiratorie e se non sembra presente nelle narici può provenire dall’epifaringe, cioè dal fondo della gola, dalle adenoidi, ecc.: in questo caso si dovrebbe vedere scolo di muco dal fondo del palato alla visita medica. Altrimenti la sua origine dovrebbe supporsi a livello intestinale e gastrico e questo potrebbe dipendere da una infiammazione intestinale dovuta ad allergia alle proteine del latte vaccino oppure alla presenza di batteri patogeni nell’intestino o di helicobacter nello stomaco. È necessario, quindi, valutare queste tre ipotesi e se si dovesse escludere catarro alle prime vie respiratorie si dovrebbe ricercare, magari, il sangue occulto nelle feci, indice di allergia alle proteine vaccine, fare una coprocultura per germi patogeni e, perché no, ricercare la presenza di una colonizzazione intestinale dovuta alla candida, specialmente se il bimbo ha o ha avuto mughetto in bocca o se il capezzolo fosse colonizzato dalla candida.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone