Mani in bocca ed eruzione dentini


Gentile Dottoressa,
le scrivo per un dubbio sui dentini.
Il mio bimbo ha 4 mesi e suppongo sia presto per veder spuntare dei dentini, ma sto notando da un po’ di tempo che saliva tanto e ha spesso le mani in bocca masticando con forza.
Capisco che non è fame perché è regolare nel mangiare, risulta sazio addormentandosi o ridendo.
Rifiuta fortemente da quando è nato il ciuccio, ma se gli metto un dito in bocca oppure un giochino, stringe forte.
È solo un po’ biancastra la gengiva inferiore, ma non rossa o gonfia. Può essere che senta prurito? Oppure le manine sono in sostituzione del ciuccio, anche se non sembra calmarsi.
Grazie mille
Cordiali saluti
Katia

Cara Katia,
a 4 mesi i bambini imparano a conoscere tutto non solo o non più solo guardando, ma soprattutto esplorando l’oggetto anche attraverso le sensazioni che esso procura quando viene messo in bocca: dimensioni, sapore, consistenza, cedevolezza o rigidezza e così via.
Essi sono in pieno nella cosiddetta fase orale durante la quale il piacere è ottenuto principalmente dalle sensazioni che ricavano portando tutto alla bocca.
A questo proposito ti rimando alla dispensa di pediatria che parla dello sviluppo affettivo e della sessualità infantile che puoi trovare sul sito. Se, però, il comportamento del bimbo sembra insistere troppo sul fatto di stringere le mascelle o strofinarsi il bordo gengivale come per attenuare un fastidio o una tensione, potrebbe anche essere il sintomo di una eruzione precoce dei dentini, almeno di uno, cosa non rarissima per la verità, anche prima del sesto mese. Osservando le sue gengive si dovrebbe poter capire l’arcano perché, appunto, in coincidenza con l’eruzione dei dentini, si gonfiano, si arrossano e a volte sanguinano anche un pochino al minimo trauma.
Se il bimbo avesse l’abitudine del ciuccio non tormenterebbe così le sue manine, però se non è smanioso o molto irritabile, cerca di non dargli l’abitudine al ciuccio: qualora non fossero i denti ma una sua naturale spiccata propensione alla oralità, una volta abituato al ciuccio potresti avere difficoltà a toglierlo quando sarà più grande.
Naturalmente, mettendo tutto in bocca, stimola moltissimo le ghiandole salivari a produrre saliva perché esse, appunto, sono programmate per funzionare quando devono iniziare la digestione di un boccone di cibo introdotto in bocca e non fanno certo distinzione tra cibo commestibile e cibo non commestibile.
Inoltre, i lattanti e i bambini molto piccoli non hanno ancora un buon riflesso di deglutizione e la saliva che continuamente producono non viene subito deglutita, automaticamente e inconsciamente come fanno gli adulti, così si accumula in bocca e quando è troppa fuoriesce "a lumachina": sembra allora che venga prodotta abbondantemente, mentre dipende solo dal fatto che non la deglutiscono.
Un caro saluto,
Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone