Lungo periodo di mycoplasma e ritorno all’asilo con malanno


Buongiorno Dottoressa,
si ricorda di Greta? Sospetta bronchite da micoplasma, zitromax cura efficace, piena guarigione, niente tosse, niente catarro, niente febbre per più di 15 gg. Rimasta a casa, recupero totale. Rientro all’asilo giorno 31 marzo.
Oggi 2 aprile, siamo alle solite: già da stanotte ha ripreso a russare ed ad essere agitata. Le aggiungo che il rientro all’asilo dopo un mese intero di assenza è caratterizzato da un pò di nostalgia per la nonna che si occupa di lei mentre io lavoro, da qualche pianto e dal rifiuto pare
di mangiare il primo piatto. Cosa ne pensa di questo comportamento e dell’immediato raffreddore? Puo’ trattarsi di allergia o è l’ennesima infezione delle vie respiratorie? Crede sia il caso di procedere con quegli esami del sangue che mi ha consigliato rimasti in sospeso? Considerati i pochi cm di crescita in altezza, puo’ trattarsi anche di una infezione urinaria?
Grazie
Mamma Stefania

Dopo una malattia non grave ma piuttosto debilitante e una lunga assenza dall’asilo, il comportamento della bimba non mi stupisce, così come anche poco mi stupisce il fatto che manifesti un ennesimo raffreddamento o qualsiasi cosa si svilupperà da questo iniziale suo russare notturno: l’asilo, purtroppo, porta a tutto ciò molto spesso.
I vecchi medici dicevano che una convalescenza condotta bene dovrebbe durare tanto quanto la malattia che l’ha preceduta e il mycoplasma, si sa, è lungo da debellare.
Non pensare, per ora, all’altezza e, per quanto riguarda l’ennesima possibile infezione alle vie respiratorie, visto che ha una certa difficoltà a respirare dal naso ma, per ora almeno, nessun altro sintomo, stai in guardia ma non fare nulla di particolare se non, forse, frequenti lavaggi nasali con fisiologica per rimuovere velocemente il catarro, che molto probabilmente è scatenato da qualche virus, prima che si sovrapponga una qualche infezione batterica che ti suggerirebbe di ridare antibiotici. Appena ti è possibile porta la bimba al mare e, se non la sta già facendo, inizia un ciclo di vitamine per almeno un mese. Se solo due giorni fa stava perfettamente bene e mangiava volentieri, non pensare alla infezione delle vie urinarie.
Questi sono solo pareri, è ovvio e ti consiglio di farla visitare dal suo pediatra se fra tre giorni non tende a guarire da sola.
Un caro saluto,
Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone