Linfonodi ingrossati dopo streptococco e chiazze rosse


Gentile dottoressa,
mio figlio ha sei anni. Il 5 aprile ha avuto la febbre, l’ho portato dalla pediatra che lo ha trovato positivo al tampone dello streptococco, è stato curato per 10 giorni con Augmentin e si è ripreso bene, se non fosse per i linfonodi un po’ gonfi. Ne ha uno piccolissimo dietro un orecchio e due sotto la mascella. In realtà ora a occhio nudo non si vedono, ma io mi sono un po’ fissata e glieli palpo continuamente, sentendoli sotto i polpastrelli della grandezza di un fagiolo.
Quindici giorni fa ha cominciato a lamentare bruciore alla lingua e in effetti aveva le papille gustative tutte in rilievo. L’ho portato da un altro pediatra che mi ha tranquillizzata sui linfonodi dicendo che sono normali e che gli ha trovato molto muco in fondo alla gola. Mi ha prescritto aerosol con Bentelan e Fluimucil antibiotico e Froben spray sulla lingua.
Ora la lingua non gli brucia più, ma le papille bianche sono ancora molto visibili, ha la pelle molto secca e a volte gli vengono delle chiazze rosse sul torace e che a volte si ricoprono di bolle. Con il borotalco però, vanno via in poco tempo.
Ad esempio ieri gli ho fatto il bagno e non aveva nulla, quando gli ho tolto l’accappatoio aveva tre bolle sulla pancia. Con il borotalco sono sparite in mezz’ora.
Mi sto preoccupando molto perché ho paura che questi sintomi possano nascondere una malattia.
Sono troppo ansiosa?
La prego di rispondermi al più presto,
ringraziandola sin da ora.

Il bambino ha assunto antibiotici per lungo tempo a causa dello streptococco e non so se sono stati associati a vitamine o fermenti lattici: in caso negativo, potrebbe avere un dismicrobismo intestinale con una flora batterica non più equilibrata come di norma ma con prevalenza, magari, di miceti (spesso la candida) o di altri microrganismi.
La candida può procurare molte strane manifestazioni, tra cui anche, se il bambino ha la pelle ruvida, la riacutizzazione di una dermatite atopica.
Per quanto riguarda i linfonodi laterocervicali, lasciali pure dove sono e non curartene più: si sono ingrossati in occasione dell’infezione da streptococco, e forse lo erano già in precedenza, e ora avranno bisogno di alcuni mesi per tornare alle dimensioni normali.
Per quanto riguarda il catarro in gola, lo scolo di muco dall’epifaringe dipende da infiammazione alle adenoidi e, a volte, da sinusite sub-acuta o cronica.
Per le chiazze rosse sulla pelle, ovviamente, bisognerebbe vederle per capire se si tratta di una dermatite allergica e sapere se il bambino ne è soggetto o le ha presentate anche in passato, però ti consiglio, prima di tutto, di non lavarlo con acqua molto calda ma appena tiepida; di usare detergenti molto delicati che non seccano la pelle tipo Triderm o Aveeno o tanti altri che il farmacista stesso ti potrà suggerire se gli dici che il bimbo è atopico; non sono molto convinta che il talco sia efficace: non ne abusare se il bimbo ha la pelle molto secca.
Per l’atopia, visto che le manifestazioni allergiche in primavera si riacutizzano, evita tutti i cibi che sono a rischio di stimolare allergie come fragole, cioccolato, molluschi e crostacei, salumi e via discorrendo, somministra molti fermenti lattici, cerca di eliminare il catarro in gola senza fare uso di antibiotici (se possibile), somministra vitamine di gruppo B assieme ai fermenti lattici e, per la lingua a lampone, dopo avere escluso dalla dieta i cibi allergizzanti e avere reintrodotto vitamine dopo la terapia antibiotica, il pediatra dovrà escludere che abbia una colonizzazione di miceti (candida in bocca).
Anche se dovesse avere qualche disturbo intestinale tipo colite o colon irritabile o sentisse il bisogno di urinare più spesso del solito, potrebbe avere uno sviluppo eccessivo di candida da terapia antibiotica. Ma prima di decidere di eliminarla con farmaci specifici bisogna essere sicuri che il problema sia questo. Le manifestazioni cutanee sulla pancia potrebbero anche essere dei mastocitomi che si intensificano e si arrossano a contatto con l’acqua calda e con lo sfregamento e si attenuano in seguito, ma senza vederle non posso proprio suggerirti nulla di preciso.
Un caro saluto,
Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento