Lettone, cuscino e lettino


Gentilissima dottoressa,

la mia bambina di 2 anni non ha mai avuto un cuscino nella culla e poi nel lettino fino ad ora.
Ultimamente ha preso l’abitudine di dormire nel letto con noi perché la notte si sveglia e per riaddormentarsi vuole essere cullata in braccio: dopo le prime esperienze (il gioco si ripeteva anche 4-5 volte per notte e impiegavo anche 20 minuti per riaddormentarla!) mi sono arresa e ho deciso che, la prima volta che si sveglia, la metto nel letto con noi così dormiamo insieme, di più, e il risveglio è anche molto piacevole e divertente.
Ogni volta spero che riesca a dormire tutta la notte nel suo lettino, ma è evidente che ha bisogno di avere un contatto con noi.
Ma dato che nel nostro letto dorme con la testa e parte del corpo sul nostro cuscino volevo chiederle se ci possono essere problemi e anche se non sia il caso, quindi, di comprare un cuscino anche per il suo lettino e, se si, con quali caratteristiche.

In genere, inoltre, a quale età si passa dal lettino con le sbarre al lettino senza sbarre?

Grazie di cuore per l’aiuto
Elisabetta74

Quando un bambino cammina si possono anche togliere le sbarre a meno che di notte non si agiti a tal punto da rischiare di cadere dal letto. Io non amo molto vedere i bambini in gabbia, non solo nel lettino ma anche nel box o nel girello, però le sbarre hanno la loro utilità. Ma se il pericolo di tenerle abbassate è quello che il bambino cada e possa, non dico farsi male ma spaventarsi – si può ovviare circondando il lettino di cuscini oppure mettendo direttamente il materasso per terra adagiato su una coperta o un tappeto facilmente lavabile – , quello di tenere le sbarre alzate potrebbe essere anche maggiore se il bambino impara a scavalcarle. Pertanto la decisione di usare o meno le sbarre è lasciata al genitore che conosce il comportamento del bambino.

Per quanto riguarda il cuscino: i bambini dormono bene anche senza, soprattutto se la loro posizione nel sonno è quella prona o quasi, oppure quella supina. Dormono male senza cuscino, invece, i bambini che tendono a dormire su un fianco, ma in tal caso il cuscino dovrebbe essere basso, possibilmente di materiale sintetico e lavabile e antisoffocamento benché i bambini si sappiano girare quando assumono una posizione che rende loro la respirazione difficoltosa. Però, se sia la testa che il collo e parte del corpo sono adagiati sul cuscino, è un po’ come se la bimba dormisse con il materasso sollevato, come si consiglia ai bambini con reflusso, quindi, se il cuscino non è troppo spesso, è come se non lo avesse, quindi, potrebbe essere un falso problema. Ti consiglio di provare varie soluzioni e di chiedere alla bimba stessa  quale preferisce.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone