Ittero e prolemi di sviluppo psicomotorio


 

Buongiorno Dottoressa,

vorrei un suo parere su mia figlia di sette mesi.

La mia bimba ha sette mesi e ancora non sta seduta da sola appena provo a metterla inizia a piangere e si butta all’indietro.

La mia pediatra dopo la solita visita di controllo mi ha detto di aspettare un altro mese e se a otto mesi non è migliorata mi ha consigliato d fare una visita dal neurologo.

Però c’è da dire che la bimba è vispa ride e gioca con i giochi che le vengono messi davanti ma se viene messa sul tappeto rimane sdraiata e non prova neanche a girarsi. da qualche giorno mi è venuto un dubbio e cioè che mia figlia ha avuto l’ittero in seconda giornata di 18.5 da incompatibilità O-A.

Vorrei sapere se è possibile che questo abbia causato danni a livello celebrale. Mia figlia è nata il 26 marzo con parto cesareo programmato a 38+5 e pesava kg 3.350, all’ultima visita effettuata il 30/10 pesava 8.500. La ringrazio per la sua disponibilità

Per quanto riguarda l’ittero: non è tanto il valore di 18,5 raggiunto in seconda giornata di vita, che è comunque un valore alto, quanto la velocità di aumento nelle ore precedenti e il valore che aveva attorno alle primissime ore di vita. Per quanto riguarda il problema di non stare seduta, non posso farmene una idea perché andrebbe valutato dopo un accurato esame neurologico, nel contesto dell’esame neurologico stesso e dopo essersi informati sul decorso dello sviluppo neurologico della bimba sia dalla nascita in poi che anche dal terzo mese di vita in poi.

Di solito i bambini dovrebbero stare seduti da soli, in equilibrio anche precario ma mantenuto per alcuni secondi dal sesto mese in poi e si considera fisiologico un eventuale ritardo di 15 gg in questa acquisizione, diciamo 20 gg vista la modesta prematurità, del tutto relativa, comunque. Quindi, non stare seduta a sette mesi potrebbe costituire un campanello di allarme minimo da rivalutare dopo una quindicina di giorni ma, ti ripeto, se il resto della valutazione neurologica e psicomotoria è nella norma, anche una attesa di un mese può considerarsi corretta.

Prova a tenere la bimba seduta appoggiata allo schienale del seggiolone dandole molte occasioni per alzare le braccia per afferrare un oggetto, poi stimolale il rotolamento tenendola libera sul lettone o per terra facendo in modo che abbia voglia di afferrare un oggetto più in alto e laterale rispetto al suo corpo in modo che sia obbligata a voltare il tronco su un fianco e, allungando il braccio in avanti, inizi la prima fase del rotolamento: questo sia da un lato che dall’altro. A volte durante una visita pediatrica i bambini si oppongono agli stimoli e non collaborano adeguatamente e non sempre il medico ha tempo e pazienza a sufficienza per entrare nelle grazie del bimbo facendolo sentire a suo agio.

In ogni caso, se hai un dubbio riguardo all’ittero, oltre a ricercare tutti i valori richiedendo la cartella clinica, dovresti anche sottoporre la bimba al test di Boel per lo screening dell’udito, cosa che del resto tutti i pediatri ormai fanno quasi di routine.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone