Iperidrosi

0
401

 

Cara dottoressa,

Sono la mamma di Christian due anni e mezzo, mio figlio ha un’eccessiva sudorazione a mani piedi e ascelle, pensi che non può stare scalzo perché scivola.

Premetto che io ho questo problema, incide la familiarità o è troppo piccolo? ci possono essere altre cause. C’è da preoccuparsi?

Grazie, un abbraccio.

L’iperidrosi è un sintomo fastidiosissimo e può esserci familiarità. Bisogna, comunque, escludere una disfunzione tiroidea, un sovrappeso eccessivo e motivi di ordine psicologico come ansia o eretismo psichico, che devono essere trattati in modo specifico.

Un trattamento diretto dell’iperidrosi alle mani, ai piedi e alle ascelle non è semplice. Esclusi spray e creme a base di sali di alluminio che spesso danno risultati deludenti e possono essere allergizzanti, esiste la possibilità di trattamento con la ionoforesi, idonea proprio a contrastare l’iperidrosi di mani piedi e ascelle.

Il trattamento botulinico è possibile ma molto doloroso in quelle sedi quindi lo scarterei a priori anche in un adulto, figuriamoci in un bambino! e l’intervento di simpaticotomia, benché risolutivo in alcuni casi molto gravi di iperidrosi, oltre a non essere privo di effetti collaterali che possono essere permanenti, è, ovviamente, assolutamente controindicato nei bambini.

Pertanto mi sento di darti soltanto alcuni consigli molto semplici e naturali come, prima di tutto, far bere sempre molto il bambino affinché la percezione di calore, specie nella stagione calda, sia sempre mitigata dall’apporto di bevande fresche e l’organismo non sia eccessivamente surriscaldato. Poi ti consiglio di evitare quanto più possibile cibi o bevande troppo dolci, cioè troppi gelati, troppi succhi di frutta, troppi yogurt già dolcificati, perché gli zuccheri in eccesso apportano una grande quantità di calorie inutili durante i mesi caldi, poi eviterei assolutamente alimenti e bevande contenenti sostanze eccitanti come coca cola, caffè, tè, cioccolata ecc. e cercherei di vestire il bimbo il meno possibile, solo con indumenti in fibra assolutamente naturale e non sintetica e non colorati ma bianchi o color crema, larghi e scollati.

Il dermatologo potrà, forse, consigliarti qualche altro rimedio più specifico.

Un caro saluto, Daniela

Iperidrosi
5 (100%) 2 votes

Condividi
Articolo precedenteAncora sul virus A/H1N1
Articolo successivoBocca aperta
mm
Medico chirurgo specializzato in Pediatria e Neonatologia con lunga esperienza Ospedaliera.