Intervento per testicolo ritenuto


 

Buongiorno dottoressa,

il mio bambino è nato con il testicolo sinistro ritenuto, adesso ha un anno e il testicolo non è sceso.

Ho già prenotato la visita con il chirurgo all’ospedale Buzzi per il 30 marzo, volevo chiederle ci sono delle terapie alternative all’intervento, e se questo tipo di operazione può essere rischiosa e quanto tempo bisogna

stare in ospedale.

Il bambino inoltre lunedì sera ha cominciato ad avere la febbre alta, talmente alta che ho dovuto dargli il Nureflex perché la Tachipirina non dava risultati, martedì siamo andati dalla pediatra che ha riscontrato l’otite ci ha dato il Panacef per 8 giorni, 3 volte al giorno. L’ho subito somministrato, ha avuto la febbre tutto il martedì e mercoledì notte trattata col Nureflex, intorno alle 4 del mattino si è sfebbrato ma giovedì mattina è tornata la febbre. È una cosa normale? Il bambino ha anche il raffreddore.

La ringrazio anticipatamente!

Il bimbo, ovviamente, prima di arrivare all’intervento, deve stare perfettamente bene. Le cure ormonali sostitutive per tentare la discesa del testicolo senza intervenire chirurgicamente si stanno definitivamente abbandonando perché non prive di effetti collaterali e spesso risolutive solo transitoriamente, potendosi assistere ad una risalita del testicolo dopo un certo periodo dalla fine della cura.

L’intervanto chirurgico è semplice e veloce e minimamente invasivo: si entra in ospedale, generalmente, il giorno prima, si effettuano tutte le analisi di routine richieste dall’anestesia generale; il giorno dopo si effettua l’intervento e il giorno successivo si viene dimessi. Il controllo per togliere eventuali punti si fa dopo una settimana o poco più e basta.

L’apparente ritorno di febbre può essere semplicemente il riaffacciarsi della stessa febbre dovuta all’otite che era stata tenuta a bada dall’antipiretico e che è riapparsa dopo la fine dell’effetto del farmaco (che, specie se somministrato ripetutamente, può essere anche di lunga durata).

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone