Informazione e consigli su medicinali


Salve dottoressa,

le volevo chiedere un po’ di informazioni su tre medicinali.

Tinset: so che è un antiallergico e la pediatra me l’ha dato per il raffreddore di Martina (devo fare cicli di 10 gg) 

Localyn Sv: per il naso uno spruzzo a narice

Fluibron gocce (aerosol): solo se la tosse si aggrava.

Il Tinset e il Localyn che funzione hanno con la tosse? Va bene usarli due volte al dì per 10 gg e poi ricominciare dopo altri dieci gg fino a Natale?

E il Fluibron gocce ?

Grazie

Samanta

 


Il Tinset è un farmaco antiallergico che riduce la componente infiammatoria della mucosa delle prime vie respiratorie e quella bronchiale quando è dovuta a una irritazione cronica procurata da allergeni respiratori in un soggetto tendenzialmente allergico, mentre il Localyn è un farmaco costituito da cortisone utilizzato per uso topico, cioè locale e non generale o sistemico.

Il cortisone è un antinfiamatorio e riduce l’infiammazione di qualsiasi tessuto e qualsiasi sia la sua origine, allergica, autoimmune o infettiva.

Una tosse e una produzione di catarro continue e insistenti, anche al di fuori di un episodio infettivo acuto, con o senza febbre che sia stato, può far pensare a una iperreattività del bambino che reagisce con produzione continua di muco dalle prime vie respiratorie – che sia naso, faringe, laringe o bronchi – a un banale episodio di raffreddamento, oppure può trattarsi di un bambino che reagisce con sintomi importanti e spropositati ad ogni minimo contatto con virus o batteri producendo una grossa quantità di catarro e di mucosità accompagnate da difficoltà respiratoria, tosse insistente con o senza broncospasmo e naso sempre otturato o pieno di muco.

In tal caso, una cura intermittente con farmaci che riducono l’iperreattività delle mucose delle vie respiratorie può ridurre la sintomatologiae far stare meglio il bimbo, almeno per tutto il periodo critico durante il quale le infezioni alle prime vie respiratorie sono più probabili. Ma questi farmaci possono anche essere usati solo a bisogno e non stabilendo in anticipo i cicli di terapia: dipende dal problema del bambino. Non si tratta, comunque, di farmaci curativi.

Un caro saluto,

Daniela

  

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone