Incontinenza urinaria


 

Buongiorno dottoressa,

il mio bimbo di 3 anni e 4 mesi mi avvisa e quindi fa la cacca sul vasino. Ma con la pipì è un problema: se lo intercetto la fa seduto sul water (in piedi non vuole proprio).

Il problema è che fa pipì continuamente: poco e spesso, quasi sempre addosso. Non avvisa mai e si bagna in continuazione. Anzi, comincio a pensare ad una causa organica che gli impedisce di riconoscere lo stimolo e/o trattenere la pipì. Non so che pensare.

È normale? O conviene approfondire? Possono esserci cause psicologiche?

Ringrazio in anticipo

 

 

Può essere semplicemente una vescica ipertonica disfunzionale, cioè una vescica con pareti costantemente contratte, più o meno volontariamente, dal bambino che sente lo stimolo, ha imparato a trattenere volontariamente la pipì ma non vorrebbe andare ad urinare per non smettere le attività che sta svolgendo. Ma nello stesso tempo questo ipertono continuo può sfiancare i muscoli contratti e fare loro perdere tono anche se il bambino si sforza di trattenere la pipì.

In tal caso un po’ di pipì viene comunque costantemente persa contro la volontà del bimbo, la vescica non è mai completamente piena, lo stimolo vero e proprio non ha tempo di manifestarsi e si crea un circolo vizioso. La soluzione è una corretta disciplina minzionale che si attua portando il bambino ad urinare più o meno ogni 4 ore, o per lo meno dalle quattro alle sei volte al giorno, ad orari regolari.

Il bambino deve imparare ad urinare in piedi sin da subito, con le mutandine completamente abbassate e con i piedi ben appoggiati a terra, sia che urini nel vasino, sia che urini nel wc o in altro luogo e dopo, il maschio come la femmina, devono imparare a pulirsi da soli proprio per capire se si continuano a bagnare perdendo urina o se sono asciutti.

Qualche volta un residuo di getto di urina può scappare quando la vescica non è stata completamente svuotata al momento di pulirsi con la carta igienica e allora il bambino impara a finire la funzione senza contrarre nuovamente il perineo prima di avere svuotato completamente la vescica.

Altre cause di incontinenza urinaria possono, ovviamente, essere le infezioni alle vie urinarie che tolgono la normale sensibilità allo sfintere uretrale e vescicale a causa di infiammazione, malformazioni congenite alle vie urinarie o problemi neurologici congeniti o acquisiti come malformazioni alla spina dorsale occulte tipo spina bifida, oppure esiti di traumi cranici o cadute, ecc.

Ma, esclusa una semplice infezione alle vie urinarie, in atto o pregressa recente, se il problema dell’incontinenza è di tipo funzionale, si deve tentare con alcuni mesi di educazione minzionale corretta prima di rivolgersi ad un urologo pediatra per approfondimenti sapendo che fin circa al quinto anno di vita, problemi di questo tipo sono frequenti e quello che importa è che il bimbo arrivi in prima elementare adeguatamente educato, se si tratta di una enuresi disfunzionale, o adeguatamente trattato o in trattamento se si tratta di enuresi notturna o primaria.

Su questo argomento ho già avuto modo di rispondere proprio oggi ad un altra mamma di una femmina con un problema più o meno analogo.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone