Inappetenza


 

Buongiorno Dottoressa,

ho una bimba di 8 mesi 1/2 di nome Sophia. Fin dalla nascita, pur crescendo nella norma, non ha mai mangiato molto, ha sempre fatto poppate veloci ogni 2-3 ore. Ho smesso di allattarla a 6 mesi (lavorando tutto il giorno piano piano il latte si è esaurito) e abbiamo cominciato lo svezzamento a 5 mesi. Tutto sembrava procedere bene, Sophia mangiava la sua pappa con gusto (semolino+omo carne/pesce+passato verdure+olio+parmigiano), poi da quasi 1 mese la "catastrofe".

Un bel giorno ha cominciato a rifiutare la pappa delle 12 (che rimpiazzavo con 1 bibe di latte intorno alle 15). Le abbiamo provate tutte, pastina con solo olio, solo verdure, solo omo, niente!

Poi è arrivato il momento del rifiuto pure del latte e le mie crisi di preoccupazione, il nostro pediatra ha fatto eseguire un’urinocoltura che ha dato esito negativo, la bimba è comunque sempre allegra, vivace, non si ferma mai! Purtroppo però, mentre prima cresceva 1/2 kg al mese, l’ultimo mese è cresciuta solo di 200 gr. (è nata 3,020 alla 39° settimana e ora pesa 7,460 kg).

Sophia mangia questo:

8:00 latte Humana 2 220gr(con 2 biscotti), ne lascia sempre 80-60gr (devo farla piangere per andare avanti dai 120gr a quello che lascia in definitiva).

13:00 pappa 1 cucchiaio semolino più un omo più passato verdure (se e quando la mangia).

15:00 (se ha saltato la pappa) latte Humana 2 220gr(con 2 biscotti), ne lascia sempre 80-60 gr (devo farla piangere per andare avanti dai 120gr a quello che lascia in definitiva).

19:00 latte Humana 2 220gr(con 2 biscotti), ne lascia sempre 100-120 gr (se sono fortunata ne lascia come la mattina edevo farla piangere per andare avanti dai 120gr a quello che lascia in definitiva).

23:00 latte Humana 2 220gr(con 2 biscotti)…ne lscia sempre 100-120gr (devo farla piangere per andare avanti dai 120gr a quello che lascia in definitiva)

Secondo lei non mangia poco e male? Mi sento in colpa perché la forzo a mangiare ma lasciarla libera di decidere quando e quanto mangiare mi terrorizza,ho paura che non cresca e che smetta di mangiare del tutto.

Cosa devo fare?? Mi aiuti a capire mia figlia.

Grazie e mi scusi per la prolissità del mio messaggio.

Laura

Prima cosa da fare: tranquillizzarsi e vivere i momenti del pasto con maggiore serenità. Seconda cosa, cominciare ad abbandonare questi benedetti biberon di latte di cui la bimba mostra palesemente di essersi stufata e introdurre una seconda pappa serale, magari inizialmente farina lattea, ma meglio sarebbe minestrina come di giorno con formaggio ipolipidico o ricotta al posto della carne. Terza cosa: provare a sostituire un biberon pomeridiano con uno yogurt per bambini in modo da lasciare soltanto una poppata di latte la mattina e, al massimo, se dovesse prenderne molto poco, un pochino anche la sera tardi.

A questo punto il latte numero due (l’humana, detto fra parentesi, non gode di molto gradimento da parte dei bambini), potrà essere sostituito, a mio parere, dal latte della centrale se la bimba non è a rischio di sviluppare allergie varie o intolleranze perché non vi sono casi in famiglia.

La sua alimentazione, quindi, diventerebbe la seguente: mattina latte (vaccino bollito e diluito, poi solo bollito poi intero e solo scaldato, ma le modalità di introduzione graduale possono essere spiegate in altra mail), stessa quantità attuale ma pazienza se ne lascia un po’ con due biscottini, a metà mattina frutta grattata o frullata; a mezzogiorno 180 gr di brodo vegetale o di carne magro, con un cucchiaio e mezzo di pastina, 30, 40 gr di carne omogeneizzata, possibilmente in casa, 2 cucchiai di passato di verdure, olio e parmigiano (facoltativo); di pomeriggio uno yogurt; la sera seconda pappa e potrebbe anche finire così la giornata.

Il sapore del latte, anche di quello in polvere, può essere modificato con l’aggiunta di un po’ di orzo, lo yogurt del pomeriggio può essere alla frutta e può anche essere alternato con una baby merenda, la pappa serale può contenere prosciutto o pesce o formaggino ipolipidico o stracchino o parmigiano anziché la carne.

Per migliorare l’appetito anche fuggire dal gran caldo potrebbe essere una soluzione (collina, montagna). La tua bimba, comunque, è cresciuta bene. Per la preparazione del latte vaccino, eventualmente volessi darlo alla bimba, non fare di testa tua ma chiedi al pediatra o riscrivimi se sei alla prima esperienza.

Naturalmente chiedi al pediatra anche se puoi iniziare a darlo alla bimba. se è un medico vecchio stampo ti dirà di sì, altrimenti, se giovane di età e rigoroso di pensiero, resterà inorridito all’idea: tu sarai sempre libera di scegliere una via di mezzo tra le due linee di pensiero.

Un caro saluto, Daniela

 

 

 

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone