Inappetenza e infezione urinaria


Salve dott.ssa.

ho effettuato esame urine + urocoltura a mia figlia di 10 mesi per inappetenza e l’unico valore errato è il seguente: esterasi leucocitaria 25 Leu/uL anziché 0.

La mia pediatra ha detto di non preoccuparmi visto che non ha febbre o vomito, è segno di un’infezione, ma non c’è nulla da fare… È vero? Cosa significa questo valore?

Fatto sta che l’inappetenza continua nonostante il lansoprazolo (7 mg) per reflusso.

Grazie,

Federica


Il dosaggio dell’esterasi leucocitaria, assieme a quello di altre sostanze, è un modo semplice per effettuare un esame delle urine in modo automatizzato senza bisogno di esaminare il campione di urine al microscopio.

Un corretto esame delle urine deve, però, necessariamente comportare, oltre a questo test rapido effettuato per immersione di vari reagenti nell’urina, anche un esame microscopico del sedimento e, se la presenza di un numero piuttosto cospicuo di leucociti o emazie o batteri lo giustifica, una urinocultura.

L’esterasi leucocitaria è un enzima prodotto dai leucociti, quindi, quando presente, è segno evidente che vi sono nelle urine anche dei globuli bianchi visto che è difficile pensare alla presenza di esterasi leucocitaria senza leucociti.

Nell’esame delle urine, sono più facili i risultati falsamente negativi che i falsamente positivi: cioè, l’esterasi leucocitaria potrebbe essere stata regolarmente dosata, ma un esame frettoloso potrebbe non avere evidenziato i leucociti e, di conseguenza, potrebbe non averli calcolati.

Per sicurezza, se l’inappetenza dovesse persistere, bisognerebbe ripetere l’esame completo delle urine, sia chimico che microscopico e una risposta coerente dovrebbe dare tutti i valori negativi o nei limiti della norma.

Comunque, visto che suppongo che tu abbia prelevato le urine tramite sacchetto e visto che si tratta di una femmina, è facile pensare che alcuni leucociti, anche non di provenienza strettamente urinaria ma anche vaginale, possano essere presenti nelle urine e, di conseguenza, anche l’esterasi leucocitaria può evidenziarsi. Ma, ripeto, più prudente sarebbe ripetere l’analisi fra un po’, sempre che la bimba, nel frattempo, non abbia ripreso a mangiare regolarmente.

Un caro saluto,

Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone