Inappetenza: attenzione ai farmaci


La ringrazio per l’esaudiente risposta che, le assicuro, nemmeno la mia pediatra era riuscita a darmi. Volevo solo sapere se il Carpantin posso somministrarlo unitamente al Periactin e in quale posologia.

A parte questo, Le volevo chiedere se mi conviene sostituire l’Indusil ed il Protovit con un solo altro polivitaminico. Io, di mia spontanea volontà, sto dando anche cinque goccine di ferro a giorni alterni per sopperire alla scarsa dieta alimentare di Medea.

Una cosa importante: per quanto tempo si può somministrare il Periactin? È vero che il Carpantin (che sto somministrando ad ora di pranzo, mentre il P. la sera) potrebbe nuocere, come tutti i complessi B12, al sistema neurovegetativo o ad altro?

Altro problema: Medea continua a mangiare pochissimo… Il mio latte dal seno ha qualche proprietà nutritiva o sono soli ormoni?

In attesa di una sua cortese risposta, un caro saluto.

Francesca


Oddio mio! Periactin, Carpantin, Indusil, Protovit, ferro!

Il Periactin si è usato per molti anni a causa del suo effetto stimolante sull’appetito: la ciproeptadina, infatti, molecola antistaminica che, tra i vari effetti, ha anche quello di stimolare il centro ipotalamico regolatore dell’appetito, è un valido stimolante dell’appetito nei bambini svogliati. Però, dati i suoi numerosi seppur rari effetti collaterali, si cerca di non prescriverlo più in età pediatrica e sicuramente, comunque, non sotto i due anni di età. Il farmaco non contiene nient’altro che ciproeptadina. Il Carpantin, invece, fino ad alcuni mesi fa, conteneva ciproeptadina più vitamine del gruppo B, note per essere stimolanti del metabolismo e dell’appetito. Da un po’ di tempo, però, tenuto conto degli effetti indesiderati della ciproeptadina che, seppur rari, possono essere anche molto gravi quando si verificano, dal Carpantin è stata tolta la ciproeptadina, la molecola antistaminica più efficace per stimolare l’appetito e attualmente non contiene altro che vitamine del gruppo B più carnitina. Il farmaco è considerato un semplice integratore alimentare e della sua reale efficacia si continua ancora a discutere e, a volte, a dubitare. Il guaio è che, per non perdere una grossa fetta di mercato, per problemi, cioè, squisitamente commerciali, pur non essendo più il Carpantin di una volta, cioè pur non contenendo più ciproeptadina, il farmaco è rimasto in commercio con lo stesso nome di una volta e non ha perso la sua fama che, attualmente, è decisamente meno meritata di un tempo.

L’Indusil, poi, non è altro che cobamamide, cioè una forma di vitamina B12 ed è tutto da dimostrare che un bambino, pur mangiando poco, ma che segue una dieta varia ed equilibrata e non è, per esempio, un vegano, abbia realmente bisogno di un supplemento importante di vitamine, in modo particolare di vitamine del gruppo B.

Il ferro, poi, dato così, tanto per darlo e senza neanche sapere se il bambino ne ha veramente bisogno, cioè se ne è veramente carente, non solo non si assimila ma viene immediatamente eliminato dall’intestino e, per di più, può dare irritazione gastrica se somministrato per bocca e contribuire a ridurre ulteriormente l’appetito.

Il Protovit è un polivitaminico che, oltre al complesso vitaminico B contiene tutte le altre più importanti vitamine, cioè A,C e D.

Io non riesco a ricordare l’età della tua bimba, però, visto che mi parli ancora di allattamento, penso che non abbia ancora compiuto due anni. Allora, anche se non ti conosco, anche se non posso visitare e vedere di persona la tua bimba, anche se non so che tipo di rapporto tu abbia con la tua pediatra e quale sia la sua opinione su tutti questi farmaci, ti prego caldamente di smettere di pensare a tutti i farmaci che mi hai elencato: alcuni sono potenzialmente dannosi (e a questo proposito ti invito a digitare periactin e, sulla completa scheda informativa che troverai, alla voce "effetti collaterali" a leggerli tutti ma proprio tutti questi effetti collaterali possibili che poi tanto rari non sono per avere indotto i pediatri a bandirlo nei bambini più piccoli e a consigliare di non usarlo più nei bambini più grandicelli).

Evita anche il ferro e, se hai timore che la bimba soffra di anemia da carenza di ferro, fatti prescrivere le analisi specifiche: in seguito ai risultati, se sarà necessario, lo introdurrai a ragion veduta, ma non di testa tua, i farmaci non sono caramelle!

Per quanto riguarda Indusil, Carpantin e Protovit, essi contengono praticamente le stesse cose e l’unica cosa buona che puoi fare è, semmai, usarne uno solo, il più completo, cioè il Protovit, una quindicina di gocce due volte al giorno E BASTA!

Il latte materno, quando c’è in quantità non risibile, è sempre un ottimo alimento: contiene tutte le sostanze tipiche del latte materno sempre, in più o in meno a secondo dei giorni e dell’alimentazione materna, ma è sempre buono e nutriente a qualsiasi età.

Le altre sostanze che contiene, oltre a quelle antinfettive come anticorpi, globuli bianchi, enzimi come il lisozima, sono ininfluenti e in quantità irrisorie salvo farmaci, droghe, sostanze voluttuarie come la caffeina o la nicotina che, anche in piccole quantità, sono dannose se non tossiche.

La gestione di un bambino inappetente passa attraverso una analisi molto obiettiva della sua reale introduzione di cibi della giornata (i fuori pasto possono ridurre l’appetito ai pasti principali ma aumentare in modo occulto anche di molto le calorie introdotte complessivamente), della gestione dei quattro pasti principali, della costituzione del bambino con il calcolo conseguente delle sue reali necessità nutritive, della sua crescita in peso e altezza nel tempo, della verifica che non abbia patologie di nessun tipo che possano influire sull’appetito (infezioni delle vie urinarie, otiti croniche, intolleranze alimentari, malattie metaboliche…) e sull’analisi del rapporto madre-bambino, ricordato per ultimo ma non ultimo nell’influenza che può avere sul comportamento alimentare del bambino stesso.

Un caro saluto,

Daniela

 

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento