Inappetenza a quattro anni

0
218

 

Buonasera dottoressa,

ho una bimba di 4 anni che si rifiuta di mangiare anche se alla scuola materna non fa storie mentre a casa è una lotta continua.

Non vuole fare colazione, merenda e cena, ma se poi la sforzo o mi arrabbio allora mangia.

La bimba è alta 103 cm e pesa 14,100 kg. È una bimba vivace senza nessun problema, è sempre stata bene, il peso e l’altezza sono sempre cresciuti nella norma.

Quando è nata era lunga 50 cm per 3350 gr ed è sempre stata più lunga che grassa. Il papà da piccolo era molto magro io un po’ più in carne. Cosa posso darle per stimolare l’appetito alla bambina. La pappa reale può essere d’aiuto?

La ringrazio anticipatamente per la sua gradita risposta. Katia

A mio parere, il miglior modo per stimolare l’appetito della bimba è quello di smettere di insistere e di lottare affinché mangi quello che vuoi tu.

Pappa reale e altri integratori non hanno un razionale particolare nei bambini (così come, tra l’altro, non lo hanno nemmeno negli adulti nonostante le pressioni pubblicitarie). Evita che la bimba mangi fuori pasto, riduci drasticamente gli alimenti dolci che tolgono l’appetito, prepara porzioni più piccole, asseconda i gusti della bimba e lascia che la piccola impari a mangiare da sola.

Al limite puoi anche evitare di darle la merenda se questo può servire a farla mangiare più volentieri la sera (anticipando un po’ la cena).

Mostrati sempre comprensiva ma anche determinata e invogliala a mangiare non tanto con le sgridate ma con la promessa di fare con lei qualcosa che alla bimba piace. A volte tante storie al momento dei pasti dipendono da una ricerca di maggiore attenzione da parte del bambino, specie quando trascorre molte ore all’asilo. Se così fosse, le attenzioni andrebbero date ma non tanto al momento dei pasti quanto in tutto il resto del tempo che trascorri con la bimba, a costo anche di trascurare un po’ la casa o alcune abitudini o regole che avevi.

La bimba è cresciuta bene anche se è snella e in fondo è meglio così piuttosto che avere il problema opposto.

Un caro saluto, Daniela

Inappetenza a quattro anni
Vota questo articolo