È inappetente da diversi mesi


 

Buongiorno dottoressa,

sono la mamma di una bimba di 14 mesi.

Le ho già scritto una volta riguardo all’inappetenza di mia figlia, che va avanti da circa un paio di mesi, ma ora vorrei chiederle un parere: il problema si presenta all’ora di pranzo soprattutto, ma ultimamente anche a merenda e a cena ho difficoltà a farla mangiare.

Le ho provate tutte: riproporre i brodini come quando aveva sei mesi, togliere la pasta perché pensavo fosse quella a disturbarla, darle cibi asciutti, darle le stesse cose che mangiamo noi, ma nulla, all’ora di pranzo riesco a malapena a farle mangiare 3 o 4 cucchiai di pappa insistendo un po’.

Oggi ho anche eliminato la spremuta d arancia che le davo da settembre tutti i giorni pensando potesse darle un po’ di acidità e ho smesso di darle il ferrotone (ne mancavano tre bustine) perché in una sua risposta ho letto che alla lunga può provocare piccole gastriti.

Premetto che mi pongo in maniera tranquilla nei suoi confronti, sapendo che quasi sicuramente non mangerà nulla ma sperandoci comunque, tengo la televisione spenta, provo anche a darle il cucchiaino in mano, ma niente.

Non esagero se dico che in due mesi avrà mangiato il pranzo di gusto 3 o 4 volte! Oltre ad essere, le assicuro, piuttosto snervante, comincio anche a preoccuparmi.

È sempre bella vivace, non sembra magra o bassina per i suoi 14 mesi (settimana prossima andremo dalla pediatra per un vaccino e la peseremo), però mi chiedo se è normale che un bimbo attraversi un cosi lungo periodo di inappetenza, se potesse magari coincidere con un periodo di crescita ed essere comune ad altri bimbi o potesse invece nascondere problemi più seri tipo gastriti, reflusso o cose più gravi.

Non so che risposta vorrei ricevere da lei, probabilmente rassicurazioni sul fatto che è una cosa comune e normale, ma se secondo lei dovrei fare esami o cose simili me lo dica al più presto.

Dimenticavo di dirle che in questi due mesi le sono spuntati i due premolari sotto e ora i due superiori, che sono molto lenti ad uscire e tempo fa ha avuto qualche giorno di diarrea.

La ringrazio infinitamente per il tempo che mi ha dedicato leggendo questa mail chilometrica

La dentizione, più che ridurre la fame, può predisporre male il bambino nei confronti del cibo assunto con il cucchiaio rispetto al biberon a causa del relativo traumatismo che l’oggetto rigido potrebbe procurare alle gengive, specie quando il bambino viene ancora alimentato passivamente e non è in grado di tenere il cucchiaio da solo.

L’assunzione di ferro, anche, può provocare inappetenza, a volte anche duratura.

Però, se la bimba è complessivamente in buona salute e vivace, se non vi sono sospetti di infezione alle vie urinarie, che toglierebbe l’appetito, o di gola perennemente infiammata e se la bimba cresce in modo soddisfacente sia in altezza che in peso (per la sua costituzione e non per le aspettative che un genitore ha su di lei o per le tabelle di accrescimento standard), della relativa inappetenza non bisognerebbe tenere conto e semmai rivalutare la quantità di alimento che viene proposta.

Bisogna poi evitare cibi sostitutivi e fuori pasto, predisporsi con spirito positivo al momento del pasto nei confronti della bimba per evitare contrapposizioni o tensioni psicologiche, fare stare a lungo la bimba all’aria aperta creandole occasioni di movimento e di scarico di energie.

L’autunno, con la sua riduzione di ore di sole, riduce il metabolismo degli esseri viventi e di conseguenza anche le loro attività motorie e metaboliche vanno in un certo senso in letargo, pertanto è buona cosa mangiare di meno visto che anche le esigenze energetiche si riducono.

Infine, prova a dare alla bimba gli stessi cibi che prepari per te: un po’ più saporiti, un po’ diversi e non assillarla troppo con le tue ansie alimentari. Lascia anche che si alimenti da sola manipolando e afferrando quello che poi porterà alla bocca.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone