Glande a farfalla


 

Buongiorno dottoressa,

 

le chiedo gentilmente cosa significa per il neonato avere "il glande a farfalla".

 

Attendo con ansia e la ringrazio anticipatamente.

 

Distinti Saluti

 

 

 

 

 

Confesso di non conoscere questa definizione, ma, immaginando che si tratti di una anomala morfologia del glande, quest’organo può mostrarsi di forma alterata, come separato in due, per intenderci, ricordando vagamente le ali di una farfalla, quando si è in presenza di una ipo o epispadia, cioè di uno sbocco anomalo del meato uretrale, non all’apice del glande ma sulla sua superficie superiore o dorsale (epispadia) o sulla sua superficie inferiore o ventrale (ipospadia).

 

In questi casi, anche la pelle del prepuzio può presentarsi alterata, cioè praticamente assente nel punto dove sbocca il meato uretrale e ridondante, cioè eccessivamente rappresentata ed esuberante dalla parte opposta.

 

A volte, ma molto raramente, il pene sbocca al di sotto dei testicoli anziché al di sopra e i testicoli si posizionano lateralmente ad esso e non inferiormente. Ma le malformazioni a livello dei genitali, benigne o legate ad anomalie di sviluppo degli stessi a causa di alterazioni cromosomiche o ormonali, sono moltissime e complesse ed è inutile che le elenchi tutte.

 

Se vuoi, puoi scrivermi nuovamente descrivendomi meglio la morfologia del glande che è stato definito a farfalla in modo che possa inquadrare meglio il problema visto che non ho trovato questa definizione nei libri che ho avuto modo di consultare e nemmeno via internet.

 

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone