Giardia, inappetenza e miceti


Gent.ma dottoressa,
sono sempre Alessia, mamma di MARZIA 2 anni e 2 mesi, e GIULIA, 1 anno…. entrambe affette da giardia.
Come mi aveva suggerito anche lei, il gastroenterologo mi ha prima fatto ripetere le analisi a Marzia, che aveva già assunto il FLAGYL ed è ancora positiva. Pertanto mi ha dato una cura simultanea per entrambe le bimbe. Giulia ha subito reagito abbastanza bene, mangia di nuovo un po’ di più e non ha più i crampi notturni.
Marzia ha smesso anche di mangiare quel poco che mangiava. Consideri che pesa 9.7 kg (h83cm) a 2 anni e 2 mesi…
Il Prof. Paone ha riscontrato nelle analisi del sangue una II categoria di intolleranza al latte e mi ha tolto tutti i latticini e il grano.
Ha detto di aspettare che intanto il FLAGYL faccia effetto, una volta debellata la giardia si farà una cura ricostituente.
Di mia iniziativa oltre alla classica analisi parassitologica ho chiesto quella culturale. Sarà pronta domani, ma la dottoressa mi ha anticipato la presenza di MICETI!
Ora il mio problema è che vedo Marzia sempre più magra ogni giorno (almeno prima con latte e parmigiano mangiava un po di piu’) 
I vari pediatri da me consultati in questi anni non mi danno più fiducia perché in 2 anni con una bimba con crampi notturni, non accrescimento, pallore e inappetenza NESSUNO ha mai parlato di giardia ma solo di reflusso! E ne ho girati parecchi… E anche abbastanza noti qui a Roma…
Ha qualche suggerimento da darmi?
So che la preoccupazione è la cosa peggiore…. anche perché ormai Marzia ha l’avversione per il cibo, o collega solo al suo malessere ed è proprio tanto difficile convincerla a mangiare anche solo qualche cucchiaino di riso.
Grazie in anticipo per la pazienza.
Alessia

Cara Alessia,
la prima cosa da fare ora, come ti ha suggerito il gastroenterologo, è quella di rimettere in sesto l’intestino della bimba.
La terapia con flagyl, come tutte le altre terapie compresi gli antibiotici, avrà senz’altro alterato l’equilibrio della flora batterica intestinale e la giardia così a lungo rimasta nell’intestino non ha certo aiutato. Potrebbe anche avere sviluppato una allergia alle proteine del latte vaccino a causa di una alterazione della struttura della mucosa intestinale in seguito ad infiammazione cronica, ma l’allergia stessa potrebbe essere precedente alla infestazione da giardia e le due cose possono essersi mischiate. La presenza di miceti è molto facilmente conseguenza dello squilibrio che si è creato nella flora batterica intestinale, non solo in seguito al flagyl, ma anche in seguito allo stato infiammatorio cronico indotto dal latte.
Allora, con pazienza, bisogna agire su più fronti in contemporanea: eliminazione definitiva della giardia, eliminazione della infiammazione intestinale dovuta alle proteine vaccine, eliminazione dei miceti con una cura a base di prebiotici e probiotici nonché, se proprio è necessario perché le colonie di miceti sono troppo numerose e aggressive, con un antifungino per bocca.
Sopra a tutto ciò, la dieta priva di latte e derivati che, se ben condotta, non provoca nessuno squilibrio nutrizionale e solitamente è anche ben tollerata (il latte di riso e i biscotti a base di riso sono gradevoli, lo yogurt alla soia, semmai ti fosse prescritto, non è troppo male e via discorrendo). Del prof. Paone, inoltre, ovviamente, puoi fidarti ciecamente. Vedrai che con la pazienza risolverai tutto e fra alcune settimane (il tempo glielo devi dare) vedrai rifiorire la piccola. Non ti mostrare ansiosa di fronte a lei perché i bambini, lo sai, recepiscono anche troppo e vivono le emozioni della loro mamma come in uno specchio facendole proprie.
Un caro saluto,
Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone